30
Mon, Jan

Finanziate opere urgenti per 2,4 milioni in Trentino: lavori a Porte di Rendena, San Lorenzo Dorsino, Spiazzo e Strembo

Giudicarie
Typography

 

Comuni, finanziate opere urgenti per 2,4 milioni di euro. I lavori interessano i territori di Avio, Carzano, Cinte Tesino, Civezzano, Porte di Rendena, San Lorenzo Dorsino, Spiazzo e Strembo.

 

 

Ammonta a 2 milioni 464mila euro il valore degli interventi urgenti che la Giunta provinciale ha deciso di finanziare, su proposta dell’assessore agli enti locali Mattia Gottardi. Otto sono i comuni interessati ad altrettante opere: la manutenzione degli acquedotti di Avio, Carzano, Porte di Rendena e Spiazzo, la messa in sicurezza delle strade comunali a Cinte Tesino e Strembo, il rifacimento della rete fognaria a Civezzano e la sistemazione delle opere di presa delle sorgenti a San Lorenzo Dorsino. “Confermiamo ancora una volta l’impegno fattivo nel sostenere i territori, sulla base dei bisogni reali dei cittadini che emergono dal confronto con i sindaci. I primi cittadini sono infatti le sentinelle del territorio e compito della Provincia è garantire infrastrutture e servizi all’altezza delle aspettative delle persone” sono le parole dell’assessore Gottardi.

I lavori urgenti sono stati ammessi a finanziamento dalla Giunta, a valere sul fondo di riserva. Gli interventi sono stati individuati sulla base delle richieste inoltrate dalle amministrazioni comunali e dopo un’attenta valutazione delle singole situazioni. Si tratta, in particolare, dei seguenti interventi:

La manutenzione dei serbatoi dell’acquedotto del comune di Avio. Il progetto prevede una serie di interventi per sanare alcune situazioni di deterioramento strutturale, migliorie della componentistica idraulica e la messa in sicurezza dei manufatti, che risalgono per la maggior parte agli anni Ottanta (296.921,78 euro di contributo su un importo di progetto di 426mila euro).

La manutenzione straordinaria dell’acquedotto di Carzano, nel Comune di Cinte Tesino. È prevista la sostituzione della tubazione esistente e la realizzazione di nuove camerette di ispezione e alloggiamento delle attrezzature idrauliche quali saracinesche e allacciamenti idraulici. In alcuni punti la rete acquedottistica presenta segni evidenti di degrado e negli ultimi anni sono emerse perdite diffuse in più punti, per le quali gli interventi di manutenzione risultano sempre più difficoltosi e dispendiosi (509.948,35 euro di contributo su un importo di progetto di 668.279,37 euro).

La sistemazione e la messa in sicurezza di alcuni tratti della strada comunale di Monte Mezza a Cinte Tesino. Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo imbocco della strada che collega l’abitato di Cinte Tesino con la località di Monte Mezza, situata più a monte, dove risiedono stabilmente diverse famiglie con bambini in età scolare. Nella località sono presenti inoltre delle aziende agricole, delle attività ricettive oltre e seconde case utilizzate per lo più nel periodo estivo. La strada viene inoltre utilizzata dai mezzi pesanti per il trasporto del legname. Allo stato attuale, la strada che si presenta di larghezza limitata e in alcuni punti al limite delle normative, non riesce più a garantire la stabilità al passaggio frequente dei mezzi. È inoltre necessario intervenire sia sul manto stradale, che presenta segni di degrado dovuto all’usura nel corso del tempo, sia per la regimazione delle acque nei tratti dove è assente, nonché nelle opere di sostegno lungo il tracciato (503.799,45 euro di contributo su un importo di progetto di 629.749,31 euro).

Il rifacimento della rete della fognatura bianca e nera a servizio della frazione di Bosco nel comune di Civezzano. L’intervento riguarda un tratto di circa 200 metri che, in occasione di eventi meteorologici intensi, ha manifestato criticità nella tenuta delle divisorie dei pozzetti dove scorrono contemporaneamente acque bianche e nere (191.589,90 euro di contributo su un importo di progetto di 250mila euro).

Il rifacimento di reti e infrastrutture dell’acquedotto di Verdesina, nel comune di Porte di Rendena. Il progetto prevede la sostituzione delle rete di distribuzione acquedottistica dell’abitato, in quanto le tubazioni presenti sono vetuste e presentano perdite con conseguente notevole spreco di acqua potabile e continui interventi di riparazione e manutenzione. Inoltre, non vi è attualmente possibilità di chiudere i vari ramali con conseguenti grossi disagi e in caso di riparazioni o manutenzioni, mentre i collettori presentano segni di degrado anche a causa dell’acqua particolarmente ferruginosa (479.508,36 euro di contributo su un importo di progetto di 668mila euro).

La sistemazione opere di presa di sorgenti e pozzi nel comune di San Lorenzo Dorsino, a seguito del sopralluogo dei tecnici dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari al fine del rinnovo delle relative concessioni. L’intervento prevede il ripristino e la realizzazione delle recinzioni nelle aree di rispetto assoluto delle opere di presa, oltre all’installazione di sistemi anti-intrusione sugli scarichi di fondo (34.071,52 euro di contributo su un importo di progetto di 51.959,07 euro).

I lavori di adeguamento igienico – sanitario e il telecontrollo dei serbatoi Borzago, Piazole e Peter dell’acquedotto di Spiazzo. Il progetto riguarda interventi di manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza e l’adeguamento degli stessi ai recenti standard normativi. Le tubazioni in acciaio presenti all’interno dei manufatti risultano vetuste, gli accessi alle vasche assai difficoltosi e le manovre idrauliche sono compromesse a causa di ruggine che ha deteriorato le saracinesche. È necessario inoltre provvedere all’adeguamento del sistema elettrico che non risulta conforme alle esigenze dei manufatti (294.823,75 euro di contributo su un importo di progetto di 449.600 euro).

La manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza e la piena fruibilità della strada comunale “Pler” a Strembo. Il progetto prevede la messa in sicurezza della strada, al fine di renderla pienamente fruibile sia al transito veicolare dei mezzi privati che al transito dei mezzi pesanti utilizzati per il trasporto e il recupero del legname. L’intervento prevede l’allargamento della sede stradale nei punti più critici e pericolosi, il rifacimento del sottofondo e della pavimentazione interna ai tornanti e della sostituzione delle protezioni laterali danneggiate. Sono previsti inoltre la sistemazione delle piazzole di scambio esistenti e la realizzazione di nuove, oltre a interventi necessari per la regimazione delle acque meteoriche (154.098,36 euro di contributo su un importo di progetto di 235mila euro).