16
Tue, Jul

Linee elettriche, il punto sull’avanzamento dei progetti in Trentino: le questioni di Tione e Nembia al tavolo Provincia-Terna

Giudicarie
Typography

Il nuovo collegamento in cavo interrato a 132 kV tra Moena e Campitello in val di Fassa entrerà il mese prossimo nella fase autorizzativa.

 

Previsto invece a luglio l’avvio del cantiere della nuova cabina primaria di Cirè, nell’ambito della “razionalizzazione Trento sud” nei Comuni di Trento e Pergine, che come precisato da Terna prevede la demolizione di 54 chilometri di linee aeree esistenti - a fronte di 7 nuovi chilometri aerei e oltre 32 chilometri interrati, dunque con un bilancio positivo a livello paesaggistico - ed è funzionale al rifacimento delle linee in Valsugana.

 

Procedono nel frattempo le definizioni di tutti gli altri interventi previsti sul territorio trentino in materia di elettrodotti, tra cui la nuova cabina primaria di Tione, che comporterà la demolizione di oltre 20 km di linea aerea esistente a 132 kV nelle Giudicarie.

 

È lo stato di avanzamento aggiornato per le opere promosse da Terna e Set in Trentino, come emerso nell’incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i tecnici della società, nella sede della società a Roma, e in collegamento da Trento il vicepresidente Mario Tonina, il dirigente generale Roberto Andreatta e il dirigente Franco Pocher.


“Il senso di questa visita - afferma Fugatti - è fare il punto della situazione rispetto agli sforzi di Terna, confermare la collaborazione continua garantita dal tavolo tecnico con la Provincia e l’attenzione alle esigenze del territorio che già sentiamo valorizzata”.


“Gli investimenti sulle infrastrutture energetiche - condivide Tonina - sono fondamentali per un territorio di montagna e tengono conto del ripensamento effettuato alla luce degli effetti dall’emergenza Vaia”. Se il collegamento in val di Fassa è cruciale anche per le Olimpiadi 2026, aggiunge il vicepresidente, l’intervento Trento sud-Pergine attraverso la Marzola ha visto gli uffici provinciali in campo per trovare “la giusta mediazione rispetto alle richieste”. “Ora - prosegue Tonina - possiamo partire con interventi attesi da anni, che servono a garantire maggiore efficienza, sicurezza delle linee, miglioramento ambientale e paesaggistico e della qualità del servizio all’utenza”.

 

 

Il punto sulle “Opere strategiche per il territorio”: i progetti delle linee elettriche in Trentino (Roberto Andreatta dirigente generale del Dipartimento territorio e trasporti ambiente energia cooperazione, di spalle Mario Tonina vicepresidente della Giunta provinciale assessore all’ambiente urbanistica e cooperazione, Franco Pocher dirigente di Servizio gestione risorse idriche ed energetiche, alla riunione in collegamento video con Maurizio Fugatti e i tecnici di Terna nella sede della società a Roma) [ Archivio Ufficio stampa PAT]

Nell’incontro a cui hanno partecipato i rappresentanti di Terna è stato il punto sull’avanzamento di ciascun intervento. Opere che, come sottolineato dal dirigente provinciale Andreatta, sono importanti sia per il miglioramento dell’infrastruttura e della tutela paesaggistica, nonché per rafforzare le connessioni del Trentino nella rete nazionale ed europea dell’energia.

Queste nel dettaglio le attività in Trentino su cui si è concentrato il tavolo tecnico Provincia-Terna:

  • Collegamento in cavo interrato 132 kV stazione elettrica (SE) Moena - cabina primaria (CP) Campitello in val di Fassa: entro aprile 2022 avvio della fase autorizzativa

  • Razionalizzazione Trento Sud nei Comuni di Trento, Pergine ed altri (parte a 132 kV già autorizzata dalla Provincia, inizio lavori previsto entro l’estate 2022 e conclusione entro il 2023; parte a 220 kV in procinto di essere autorizzata dal MISE)

  • Nuovo collegamento CP Nembia a 132 kV: condivisa con il Comune di San Lorenzo-Dorsino la soluzione tecnica, parte in cavo parte in aereo. Prevista a breve la Valutazione di impatto ambientale

  • Nuova cabina primaria di Tione a 132 kV: concordata la collocazione con SET e con il Comune (protocollo di intesa da sottoscrivere in aprile 2022), da avviare iter autorizzativo provinciale sia TERNA che SET entro il 2022. Prevista la demolizione di oltre 20 km di linea aerea esistente 132 kV (Storo - La Rocca)

  • Spostamento e nuovo collegamento cabina primaria di Grigno

  • Fase 2 della razionalizzazione Trento Sud: rifacimento linee Valsugana con passaggio da 60 a 132 kV (elettrodotto 132 kV Cirè-Caldonazzo-Borgo Valsugana, elettrodotto 132 kV Grigno-Arsiè, elettrodotto Caldonazzo-Arsiero rifatto a 132 kV), a seguire rispetto alla realizzazione della CP Cirè e dello spostamento della CP Grigno. Diverse linee aeree esistenti verranno ricostruite in cavo interrato

  • Nuove linee in cavo interrato 132 kV Campitello-Malga Ciapela e Predazzo-Moena, a seguire rispetto alla realizzazione della nuova linea 132 kV Moena-Campitello

  • Nuova linea in cavo interrato 132 kV Giustino-Monclassico, a seguire rispetto alla realizzazione della nuova CP Tione