20
Sat, Jul

Stati generali della montagna: al via il percorso in Giudicarie coordinato dal Presidente della Comunità Giorgio Butterini

Giudicarie
Typography

La nuova Giunta provinciale ha recentemente approvato gli “Stati generali della montagna”, il cui scopo è quello di far emergere temi e progetti da sviluppare nella legislatura, proposti direttamente dalle vallate e dalle città del Trentino e individuati attraverso una fase partecipativa estesa a tutti gli attori territoriali. Nello specifico, l’area provinciale è stata suddivisa in 15 ambiti, che saranno chiamati a presentare le rispettive istanze relativamente a governance, accessibilità ai servizi, sviluppo economico e paesaggio e ambiente; le proposte verranno esposte in occasione della convention finale, che si svolgerà a Comano Terme nelle giornate del 15 e 16 giugno. 

Ogni zona è stata chiamata a definire in maniera autonoma un percorso di condivisione degli obiettivi, che dovranno essere fissati in un tempo molto ristretto ovvero entro la fine di maggio. 

A Giorgio Butterini, presidente della Comunità delle Giudicarie è stato affidato, nella prima riunione dei rappresentanti territoriali, il compito di organizzare e  coordinare questa fase e già nella Conferenza dei Sindaci dello scorso 4 aprile è stato presentato il “modello operativo” elaborato dall’ente sovracomunale. 

La formula è stata definita in un’ottica di essenzialità e praticità, con l’obiettivo di stimolare la massima partecipazione; essa contempla la costituzione di 6 Tavoli riguardanti temi nevralgici per il futuro e che verranno convocati nelle prossime settimane. Tali gruppi di lavoro prevedono complessivamente il coinvolgimento di circa 200 stakeholder, in rappresentanza del maggior numero di istituzioni, organizzazioni e associazioni e si occuperanno rispettivamente di: 

- Governance territoriale 

- Infrastrutture e politiche energetiche 

- Servizi alla persona e sicurezza 

- Istruzione, cultura e politiche giovanili 

- Paesaggio, ambiente e territorio

- Sviluppo economico e coesione sociale.

Ogni singolo Tavolo, dopo aver nominato il proprio Referente, dovrà condividere alcune concrete azioni ritenute prioritarie per le Giudicarie e che diventeranno parte integrante di 6 documenti di sintesi, che verranno pubblicati sul portale web della comunità dal 7 al 17 maggio, consentendo così ai cittadini di intervenire per esprimere opinioni, osservazioni o ulteriori istanze. 

Le tesi finali verranno quindi condivise in una “sessione plenaria”, fissata per il 20 maggio, alla quale saranno invitati tutti gli stakeholder coinvolti. Saranno successivamente i Referenti nominati nei gruppi di lavoro, in qualità di delegati del territorio, a esporre quanto espresso dalle Valli Giudicarie nella convencion convocata per il 15 e 16 giugno presso la sala congressi delle Terme di Comano e alla quale parteciperanno tutti gli ambiti trentini, oltre ai componenti della Giunta e alle tante istituzioni provinciali coinvolte.