01
Mon, Mar

Walter Ferrazza è il nuovo Presidente del Parco Naturale Adamello Brenta

Parco Naturale Adamello Brenta
Typography

 

 

 Walter Ferrazza è il nuovo Presidente del Parco naturale Adamello Brenta.

È stato eletto, con 25 voti di preferenza, dal neocostituito Comitato di Gestione riunitosi stasera presso il Municipio di Strembo.

Dei 29 membri dell’organo, erano presenti in 28. All’inizio, presiede la seduta Joseph Masè, presidente uscente.

 

In apertura è intervenuto, in collegamento da remoto attraverso la piattaforma zoom, Mario Tonina assessore all’urbanistica, ambiente e cooperazione della PAT con funzione di vicepresidente, per un saluto ai presenti. Dopo un augurio a quelli che saranno i nuovi organi per un buon lavoro alla guida del Parco Adamello Brenta, ha ricordato brevemente le motivazioni che hanno portato alla nuova riforma, che vede l’attuale comitato ridotto da 66 a 29 componenti; alcune tra queste, la necessità di snellire gli adempimenti burocratici e amministrativi di un organo piuttosto complesso e di responsabilizzare i delegati ad avere un ruolo sempre più importante e incisivo nelle scelte dell’Ente Parco.

Chiude il suo intervento garantendo la presenza della Provincia Autonoma di Trento nel supportare il Parco nell’espletamento delle sue azioni fondanti; la provincia lavorerà in sinergia per raggiungere obiettivi comuni e dare il giusto sostegno ad un Ente, territorialmente, così importante strategico.

 

È quindi Walter Ferrazza il nuovo presidente del Parco, 47 anni, ingegnere ambientale e del territorio. Ferrazza è sindaco del Comune di Bocenago al suo terzo mandato ma con una presenza nell’ambiente politico da oltre 20 e succede a Joseph Masè in carica dal 2016 ad oggi.

 

La candidatura del sindaco di Bocenago è stata presentata dell’area territoriale della Rendena, attraverso Manrico Moschetti; Ferrazza ha ottenuto 25 voti a seguito della presentazione del suo documento programmatico che è andato a toccare molti aspetti, articolati in particolare su 5 asset che possono essere così riassunti:

cuore: è con il cuore, afferma il candidato presidente, che si accettano sfide importanti come quella di guidare un ente tanto complesso, quanto stimolante. Competenza: Ferrazza sostiene che la valorizzazione e conservazione del territorio passano innanzitutto attraverso importanti azioni di ricerca scientifica ed educazione ambientale che devono necessariamente basarsi su un concetto di tutela attiva. Condivisione, intesa come concertazione e pianificazione strategica con gli enti locali del territorio è il terzo elemento sul quale il futuro presidente vuole impegnarsi. Sostiene poi che la continuità con le attività e le progettualità intraprese nel passato sia un elemento imprescindibile per garantire efficienza ed efficacia nell’operatività di un Ente che opera sul territorio da molti anni.

Chiude il suo intervento soffermandosi infine sulla coerenza, intesa come principio ispiratore che dovrà fungere da faro nell’espletamento delle azioni che vorrà portare avanti.

Molteplici le azioni poi concrete sulle quali vorrà investire: turismo verde con proposte di fruizione lungo tutto l’anno, mobilità 2.0, manutenzione ordinaria e straordinaria del territorio, attività di comunicazione costanti che permettano all’Ente di dare e avere visibilità su un panorama di respiro nazionale ma non solo; ancora investimento in attività di autofinanziamento che offrano all’ente nuove stimoli e nuove opportunità.

 

A chiusura della presentazione del programma di Walter Ferrazza, si sono susseguiti alcuni interventi tra i presenti in sala: Sergio Merz, ambientalista rappresentante della Lipu, Marco Frenez rappresentante della SAT, Giovanna Molinari delegato dell’area territoriale del Chiese e Franco Tessadri rappresentate anch’egli delle associazioni ambientaliste.

 

Dopo la nomina del Presidente, è stata eletta la nuova Giunta Esecutiva.

L’organo si compone di 6 membri, come stabilito dalla riforma normativa recentemente entrata in vigore:

Marinelli Monica per l’area della Val di Non

Cornelia Donini per l’area della Paganella

Giovanna Molinari per l’area del Chiese

Piero Bertolini rappresentante della Comunità delle Regole Spinale Manez

Achille Onorati per l’area di Comano

Manrico Moschetti per l’area della Rendena

 

Vicepresidente sarà Marinelli Monica.

 

Nelle designazioni si è andati ben oltre la quota di genere prevista dalla legge; la nuova Giunta vede infatti tra i suoi assessori ben tre 3 donne, una delle quali eletta anche vicepresidente. Alla giunta partecipano, con funzioni di supporto e senza diritto di voto, i responsabili dei servizi provinciali competenti in materia di aree protette, di foreste e fauna, di urbanistica e tutela del paesaggio.

Walter Ferrazza ha quindi ricevuto la fiducia del Comitato di Gestione che gli ha affidato l’Ente per i prossimi 5 anni.

Il neo presidente ha ringraziato Joseph Masè e la precedente Giunta per aver guidato l’Ente con passione e lungimiranza, oltre ad avere augurato ai dipendenti dell’Ente e alla sua squadra un buon lavoro.