27
Mon, Sep

 

A partire dal nome, tutto nella figura di Adamello Collini ricorda le montagne. La guida alpina medaglia d’oro al valore civile viene ricordata ogni anno la prima domenica di settembre nei pressi del “suo” rifugio in Val Genova. Adamello Collini nacque sul finire dell’800 a Pinzolo. Dopo le traversie legate al primo conflitto mondiale si diede da fare con grande sacrificio personale per edificare il rifugio posto quasi alla sommità della Val Genova e che oggi porta il suo nome. Proprio quest’ultimo sarebbe diventato la sua base operativa durante la Seconda Guerra Mondiale, quando, sfruttando la sua eccellente conoscenza dei passi e dei sentieri montani, decise di opporsi come poteva al nazifascismo. In maniera silenziosa ma assidua riuscì a condurre ebrei, soldati alleati, disertori, renitenti alla leva, partigiani alla salvezza in Svizzera.

 

 

Li accompagnava in fuga dai tedeschi attraverso il gruppo della Presanella fino al Passo del Tonale, così che da lì potessero raggiungere facilmente la salvezza in Svizzera. Riuscì a farne passare tanti, anche a gruppi di venti alla volta. Non fece gesti eclatanti, la sua conoscenza della montagna gli permetteva di aiutare delle persone in pericolo di vita e lui si limitò a fare quello che sapeva fare bene, la guida, ben sapendo che comportava rischi altissimi. Purtroppo qualcuno in valle lo tradì. Nel pomeriggio del 27 settembre 1943 si presentò al rifugio un uomo ben vestito che chiese di poter essere condotto sul ghiacciaio del Mandrone. Ottenuta la disponibilità di Collini, questi si allontanò con la scusa di andare a chiamare alcuni amici.

 

Tornò in compagnia di cinque militari delle SS che lo arrestarono sotto gli occhi del figlio Remo. Fu internato nel lager di Mauthausen, campo di concentramento pensato per annientare i prigionieri attraverso il lavoro forzato, la malnutrizione e gli stenti. Collini vi resistette per ben due anni. Morì nel sottocampo di Gusen il 12 febbraio del ‘45 all’età di 55 anni, a qualche mese dalla fine del conflitto. Adamello Collini viene ricordato ancora oggi con commozione per il suo eroismo silenzioso. Incalzato dalle pressanti domande del comandante Swarz, egli affermò: “Non sono a conoscenza del Codice di Guerra, ma, qualora lo conoscessi, al di sopra di questo Codice vi è una Legge che, anziché proibire, ordina di ospitare, in questi luoghi selvaggi, chiunque chiede aiuto. E’ la Legge di Dio!”. In questa decisa affermazione c’è tutto il valore di una scelta, di una vita, di una morte.

 

Alla messa, domenica 5 settembre alle 11, che sarà celebrata da padre Gregorio Moggio, seguirà l’intervento del presidente dell’Anpi del Trentino Mario Cossali Sono stati invitati il Sindaco di Pinzolo e altri Sindaci. Sarà presente il gruppo degli alpini di Pinzolo e, bella novità, darà anima all’incontro la Corale Bella Ciao.

Parteciperà anche un grande alpinista come il roveretano Sergio Martini.

 

*

 

La commemorazione di Adamello Collini, guida alpina, medaglia d’oro al valor civile, arrestato dalle SS il 27 settembre 1943 al rifugio Bedole, il suo rifugio, per aver condotto centinaia di disertori tedeschi, antifascisti, sbandati, soldati alleati ed ebrei in Svizzera. Moriva nel campo di concentramento a Mauthausen nel febbraio del 1945 a 55 anni.
(Aprire l’allegato)

 

Per chi desidera partecipare:
Domenica 5 settembre, alle ore 8.30, a Trento, presso il parcheggio ex-Sit, di fronte alla funivia per Sardagna, è fissato il punto di ritrovo per la partenza in Val di Genova; il viaggio si svolgerà con mezzi propri.

 

Chi viene con il proprio veicolo, deve comunicare la targa entro la sera di lunedì 30 agosto a Sergio Job; lo stesso vale per chi intende pranzare al rifugio: i posti sono limitati, causa pandemia.
Per pranzare all’interno del rifugio, è necessario essere in possesso del Green Pass.

 

 

PINZOLO. Mancano ormai pochissime ore alla chiusura della mostra “Artisti in Rendena” presso la sala del Paladolomiti di Pinzolo su concessione gratuita del Comune. Domani – mercoledì 1 settembre – sarà l'ultimo giorno per poter visitare l'esposizione che è giunta quest'anno alla sua ottava edizione; sarà aperta dalle ore 17.00 alle 22.00.

 

Una kermesse firmata Terri Gueret che raccoglie le opere di ben 31 artisti tra pittori (ad acquerello e ad olio), disegnatori, scultori in legno, marmo e anche metalli.

 

Nonostante la situazione sanitaria abbia compromesso una tradizionale inaugurazione in presenza, la mostra ha avuto comunque un gran successo: aperta dallo scorso 18 agosto la rassegna ha contato più di 1000 visitatori in circa 15 giorni!

“Un'iniziativa bellissima e ricca di suggestioni ed emozioni – questo il commento di alcuni – speriamo sia riproposta nei prossimi anni.”

 

Foto di Udalrico Gottardi

 

Gli artisti: Gianpaolo Antolini, Fausto Beltrami, Virgilio Beltrami, Virginia Beltrami Maestri, Nino Binelli, Mario Binelli, Roberta Binelli, Maria Rita Binelli, Giuseppe Camera, Massimo Ceccherini, Katherinne Cid Gallegos, Fulvio Cimarolli, Mattia Cozzio, Elio Dal Pont, Aldo Fabbro, Udalrico Gottardi, Antonella Grazzi, Sorelle Gueret, Paola Irsonti, Giovanni (Ciore) Leonardi, Nicoletta Liviero, Felice Maganzini, Franco Martinelli, Daniela Minerbi, Davide Montanari, Margaret Nella, Alma Povinelli, Jarka Prasek, Luisella Pretti, Andrea Romanello, Gilfredo Sottini e Paola Zecca.

 

PINZOLO. Verso la fine del mese di luglio il campanile della chiesa di San Vigilio a Pinzolo ha subito dei danni durante un temporale. L'evento ha indubbiamente allarmato la Comunità che è legata all'edificio - oltre che per il suo valore storico-artistico-culturale – in quanto luogo dove riposano i suoi cari defunti. Ad oggi l'Amministrazione comunale comunica:

 

La croce in ferro caduta dal campanile di San Vigilio durante il temporale del 25 luglio 2021 è depositata presso l'Archivio Storico Comunale, accanto alle pergamene.”

 

Croce e pergamene si incontrano come compagni di gioventù: infatti, diverse pergamene riportano quale luogo di redazione il sagrato della chiesa di San Vigilio in Sorano. Le riunioni dei capifamiglia che costituivano la Regola si svolgevano spesso proprio in quel luogo, all'ombra del campanile.”

 

Croce e pergamene sono simboli dell'identità e della storia di Pinzolo, rappresentano la memoria della comunità locale e per questo devono essere conservate e custodite con cura, essendo il loro valore storico inestimabile.”

 

Atteso per il pomeriggio di oggi sabato 28 agosto l'incontro di Lega Salvini a Pinzolo


 

PINZOLO. Torna il tradizionale appuntamento a Pinzolo organizzato dalla Lega Salvini Trentino.

 

Oggi, sabato 28 agosto, in piazza Carera a partire dalle ore 17.00 saranno presenti tra gli altri il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, il ministro al Turismo Massimo Garavaglia e il segretario della Lega Matteo Salvini.

 

Ad intervistare i tre ospiti il giornalista Mediaset Mario Giordano.

More Articles ...