20
Wed, Mar

Alla Stube Hermitage, ristorante 1 Stella Michelin a Madonna di Campiglio, mercoledì 27 Febbraio si terrà un evento speciale dedicato al gusto e alla cucina d’autore. Una cena a sei mani che vedrà impegnati ai fornelli tre importanti esponenti della migliore tradizione enogastronomica trentina e altoatesina. A fianco del giovane resident chef della “Stube Hermitage” Giovanni D’Alitta (1 stella Michelin), ci saranno lo chef della “Locanda Margon” di Ravina Alfio Ghezzi (2 stelle Michelin) e lo chef del ristorante “In viaggio” di Bolzano Claudio Melis (1 stella Michelin).

D’Alitta, Ghezzi e Melis, che in passato hanno lavorato insieme e da tempo sono legati da un nesso d’amicizia, si sono ispirati al tema “I segreti della montagna” per definire il menu della serata: prodotti, sapori, profumi e consistenze del territorio sono il pretesto per combinazioni inedite, tra tradizione e innovazione. Suggestioni provenienti dalle valli delle Dolomiti, comprese quelle del Brenta-Patrimonio dell’Umanità, incontrano ispirazioni provenienti da terre e mari lontani trasformandosi in piatti creativi e originali. Nel “concerto” gastronomico a tre voci, i tre chef firmeranno due piatti ciascuno presentando una proposta gourmet del tutto nuova, in grado di sedurre i palati più esigenti.   

Nello spartito d’alta cucina ideato da D’Alitta, Ghezzi e Melis  ci saranno la mortandella della Val di Non, il Trentingrana e il coniglio del Bleggio, ma anche il tartufo nero, il salmone, l’ananas e il cocco. L’essenza della montagna, abbinata a qualche incursione esotica, sarà distillata goccia a goccia in un menu memorabile. Il risultato, ancora da raccontare, sarà un piacere da scoprire.

La reunion di Madonna di Campiglio attualizza connessioni professionali e personali costruite nel tempo.

Giovanni D’Alitta, che nel novembre 2018 ha nuovamente appuntato la stella Michelin alla “Stube Hermitage”, ha lavorato con Claudio Melis alla “Siriola”(oggi due stelle Michelin) dell’hotel Ciasa Salares di San Cassiano e al “Rosewood Resort” di Jumby Bay (Antigua), uno dei più lussuosi hotel al mondo.

Claudio Melis, inoltre, è stato alla “Stube Hermitage” a fine anni Novanta, quando la storia del ristorante gourmet campigliano muoveva i primi passi. Proprio con Melis, la famiglia Maffei, anima e mente imprenditoriale del gioiello della ristorazione ai piedi delle Dolomiti di Brenta, ha gettato le basi per i successi arrivati poco dopo.

Alfio Ghezzi, invece, nato a pochi chilometri da Madonna di Campiglio, al quale la famiglia Lunelli di Cantine Ferrari ha affidato il progetto gastronomico di Locanda Margon a Ravina (2 stelle Michelin), alimenta costantemente la “Regina delle nevi” con il suo contributo d’eccellenza. È proprio Ghezzi, ad esempio, che firma lo standing buffet in occasione del Gran Ballo dell’Imperatore a conclusione del Carnevale Asburgico (prossima edizione: 8 marzo 2019).

Amicizia e reciproco rispetto professionale s’incontrano così a Madonna di Campiglio il 27 Febbraio. Un incontro atteso, una cena speciale, ma anche un voluto omaggio all’ingresso di Giovanni d’Alitta e Claudio Melis nel firmamento della ristorazione italiana. Ad entrambi è stata infatti assegnata 1 stella Michelin lo scorso mese di novembre 2018.

Accompagneranno l’esecuzione il Ferrari Perlè Rosè ed il Perlè Brut serviti in abbinamento ai piatti preparati dagli chef.

Il costo della cena è di 150 euro, Ferrari inclusi. Per prenotazioni chiamare il numero 0465 441558.

 

IL MENU

Dopo il “Benvenuto degli chef” nella lounge dell’hotel Hermitage, inizierà un percorso di gusto straordinario.

Estratto di pioppini, segale, burro salato, castagne e tuber melanosporum(chef Alfio Ghezzi)

Tortellini alla mortandella della Val di Non e Trentingrana, consommè di cappone e mele Fuji (chef Giovanni D’Alitta).

Risotto Carnaroli alla  “Marinara” di fiume, Kefir e Gin salato (chef Claudio Melis)

Salmone Hucho hucho con rapanelli e salsa di sedano rapa grigliato (chef Alfio Ghezzi)

Il coniglio del Bleggio con salsa di prugne fermentate (chef Giovanni D’Alitta)

Ananas arrosto, cocco, timo e mandarino (chef Claudio Melis).

Piccola pasticceria, acqua minerale e caffè.

 

Stile di vita per chi ama la natura e il silenzio negli spazi innevati, pratica di allenamento per stare in forma, sport outdoor e agonismo. L'essenza dello sci alpinismo ha molteplici sfaccettature.  

A Madonna di Campiglio, in attesa del prestigioso appuntamento con le finali di Coppa del Mondo di Sci Alpinismo-Ismf (International Ski Mountaineering Federation) che si disputeranno, sulle tracce dello "storico" "Rally del Brenta" (45esima edizione), dal 3 al 6 aprile 2019, l'agonismo sta per incontrare la passione per questo sport.

Succederà in una giornata precisa, lunedì 4 marzo, quando gli Azzurri Robert Antonioli, Michele Boscacci Davide Magnini e Federico Nicolini, leader nazionali e mondiali di questa disciplina, si prenderanno una brevissima pausa dagli impegni sportivi e saliranno a Campiglio per partecipare a "Scia con i campioni", escursione in ambiente promossa dall'Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena.

Tutti gli appassionati potranno prendervi parte e seguire la scia tracciata dagli atleti nella neve. Il ritrovo sarà alle 9.00 al "Belvedere" di Madonna di Campiglio dove inizierà la salita verso Malga Fevri e il Monte Spinale. I campioni saranno presenti  fino a mezzogiorno per condividere con i presenti esperienze ed emozioni, parlare di sé, delle ambizioni stagionali, ma anche dei sogni per il futuro e della comune passione per lo sci alpinismo.  

Inoltre, alla vigilia di "Scia con i campioni", presso la sede del Comune di Pinzolo a Campiglio, si terrà una tavola rotonda rivolta agli addetti ai lavori e ai tecnici del settore sul tema "Le gestione dello sci alpinismo nelle stazioni di montagna. Problematiche e prospettive a confronto". Saranno presenti, tra gli altri, Armando Mariotta (presidente Ismf), Angelo Dalpez (vicepresidente vicario Fisi) e Tiziano Mellarini (presidente del Comitato Fisi Trentino). Sarà una buona occasione per fare il punto su regolamenti, normative e opportunità per la pratica dello sci alpinismo che sta proseguendo il suo percorso di accreditamento olimpico. Sarà infatti disciplina ufficiale ai prossimi Giochi Olimpici giovanili di Villars sur Ollon (Svizzera) nel 2020 e c'è attesa per un suo inserimento tra le discipline ufficiali in una delle prossime edizioni delle Olimpiadi.

Intanto, a Madonna di Campiglio, prosegue con successo la novità sci alpinistica del martedì e venerdì sera:  dalle 18.00 alle 21.00 è disponibile un tracciato ad esclusivo utilizzo degli appassionati delle pelli che possono salire e scendere dai rifugi Boch e Graffer seguendo un tracciato tutto per loro.

Rimane aperta tutti i giorni dalle 15 alle 19 al Polo scolastico di Madonna di Campiglio fino al 4 marzo la mostra di Fulvio Cimarolli “Ho qualcosa da dire e so come dirlo”. La mostra, organizzata da Marcella Maffei e Gianluca Binelli, raccoglie 15 opere di Fulvio. 

Una mostra voluta con tutte le sue forze dall'artista. «Per lui è stato conquistare una vetta, di quelle che ha sempre voluto raggiungere e che ha sempre sognato». Ci conferma chi gli sta vicino.  

Colto dalla Sla nel pieno della giovinezza otto anni fa ha dovuto lottare con il decorso travolgente della malattia. 

Nonostante questo, ha realizzato molte delle opere e, quando impossibilitato, ha guidato , con il “comunicatore” che legge lo sguardo e lo traduce in espressione vocale, i suoi famigliari per riuscire a completare i suoi lavori. 

Ne è uscita una mostra che racchiude dipinti, collage, sculture, composizioni che hanno in sè l'amore immenso per la vita e allo stesso tempo il grido di rabbia per un destino difficile da sopportare. 

Le opere sono in vendita, come il catalogo, e il ricavato servirà per comprare un furgoncino per il trasporto di ragazzi che hanno difficoltà a spostarsi come Fulvio. 

Sabato 23 febbraio ci sarà una serata dedicata a Fulvio. Alle 18 una Messa nella Chiesa di Santa Maria Nuova a Madonna di Campiglio, poi alle 19 apericena nell'aula magna del Polo scolastico in via Serafini zona Palù.La serata proseguirà con un intrattenimento musicale, la visita alla mostra e la proiezione del video di Fulvio. 

Tra i provvedimenti presi nella Giunta provinciale di oggi c'è l'approvazione del ripristino della linea di trasporto pubblico *Brescia – Madonna di Campiglio*, un collegamento diretto tra le due località che mancava da diversi anni e che sarà operato nei fine settimana del periodo estivo, a partire da giugno. Un provvedimento che da una risposta concreta ad una mancanza di servizio che aveva penalizzato la Val Rendena e le Giudicarie in modo significativo e per molto tempo. 

More Articles ...