16
Tue, Jul

PIEVE DI BONO – PREZZO. Mario Malossini e Giorgio Butterini, rispettivamente ex presidente della Provincia e l’altro sindaco di Borgo Chiese e presidente della Comunità di valle, con Vigilio Nicolini hanno lavorato insieme per anni. Ebbene, in occasione delle sue onoranze funebri, lo hanno voluto ricordare parlando dentro una chiesa colma di gente. Appena al di là delle balaustre la moglie Noemi e i tre figli, dietro tanti politici e amministratori di ieri e di oggi. Si intravedono Giorgio Postal, Pierluigi Angeli, Silvano Grisenti, Aldo Marzari, Mario Tonina e funzionari provinciali dell’epoca quali Bortolotti e Bazzani. Poi i sindaci Attilio Maestri, Ketty Pellizzari, Eugenio Antolini, Adelino Amistadi e Franco Bazzoli nonché altri amministratori di Rendena e Borgo Lares.

 

 

Butterini descrive Vigilio come “un uomo carismatico, pratico e dotato di intelligenza politica e sempre pronto a dispensare buoni consigli ma altrettanto capace di stringere amicizia anche quando la malattia progressivamente se lo stava portando via. Sapeva di quel male che con encomiabile dignità purtroppo gli accorciava la vita”.

Poi è la volta di Malossini che lo aveva avuto come assessore ai lavori pubblici in Giunta provinciale: “Era capace e preparato e tutti lo consideravano un uomo dei territori. Aveva intuizione e tante idee progettuali che negli anni si sono in parte anche realizzate. Parlo per esempio della strada del fondovalle realizzata per i mondiali del 91. Per amministratori e colleghi non era l’assessore ma l’amico Vigilio”.

Nel corso della messa Tiziano Armani accompagna all’organo la corale parrocchiale mentre dall’altare l’arciprete don Luigi Mezzi, coadiuvato da don Beppino Caldera, concelebra. All’omelia don Luigi parla “di un Vigilio che apparteneva a quella generazione di gente che sapeva intravedere con lungimiranza le varie situazioni. Un uomo che sapeva ascoltare e stare vicino alle persone ma anche ai loro problemi”.

Ultima e triste incombenza quella dell’incamminamento verso il sagrato dove i portatori dell’Agenzia Agnoli traslocavano la bara sul carro funebre poi diretto alla volta di Trento per la cremazione.



PIEVE DI BONO – PREZZO. Il Gruppo alpini di Pieve di Bono è stato fondato nel 1952 dall’allora promoter e tenente medico dottor Edoardo De Biasi. Aveva radunato i convenuti nel retrobottega della farmacia Corazzola di Creto, luogo in cui si sarebbero tenute poi le successive riunioni.

In quella circostanza - ha ricordato ieri domenica 3 aprile il portavoce Antonio Armani – c'erano Egidio Armani di Agrone, Carlo Maestri di Creto, Simone Scaia di Prezzo, Lino Nicolini e Abele Ghezzi di Daone, Antonio Salizzoni di Praso, Bruno Franceschetti di Cologna, Angelo Gelindo Bugna di Bersone, e Vittorio Filosi di Strada”. Lo storico di Agrone si avvale di riscontri dettagliati e precisi allo scopo di fornire una sintesi molto fondata e veritiera.



 

Nel parterre ci sono i sindaci di Pieve di Bono e Valdaone Attilio Maestri e Ketty Pellizzari, il comandante di stazione dei carabinieri Pannuti, il presidente dei carabinieri in congedo Obrafari, per i Nuvola alpini Salvini nonché i vigili del fuoco di più paesi. Tanti anche i gagliardetti da Pieve di Bono, Roncone, Daone, Cimego, Castello, Condino, Storo, Polpenazze, e Campodenno ed il labaro dei reduci e combattenti.

Ad introdurre i vari interventi il discorso di benvenuto del capogruppo Placido Bugna, che ha successivamente premiato i capigruppo (o loro famigliari), che si sono succeduti, con una pergamena ed una medaglia.

Tra questi i famigliari del compianto cavaliere Abele Ghezzi capogruppo dal 1961 al 1976, il cavaliere Guido Maestri “Borel” dal 1976 al 1994, Mario Mazzacchi dal 1994 al 2004 e quindi Mario Castellini dal 2004 al 2017 nonché Andrea Scaia dal 2017 al 2020. Sono stati inoltre premiati per meriti nell’associazione anche Angelo Gelindo Bugna pergamena ritirata dai due figli, e per il cavaliere Gaetano Ballini dal figlio.

Dalla piazza dietro la fanfara Ana di Pieve di Bono diretta dal maestro Biagio Bovenga, il gruppo ha raggiunto la chiesa di San Giacomo dove l’arciprete don Luigi Mezzi ha celebrato la messa. Ultime due incombenze la deposizione di una corona al monumento dei Caduti e la benedizione della nuova sede del gruppo il cui edificio, dato in comodato, originariamente era la sede del comune.



.

 

 

PIEVE DI BONO – PREZZO. E’ deceduto la scorsa notte - tra l'1 e il 2 aprile - nella sua casa di Bersone il geometra Vigilio Nicolini già assessore provinciale tra il 1976 e il 1983, prima nella Giunta Mengoni e poi nella successiva di Mario Malossini.

 

 

 

Aveva 79 anni, lascia la moglie Noemi e tre figli. Da anni non stava bene ed era da tempo sottoposto a cure e controlli sanitari. Prima di essere in Giunta provinciale era stato sindaco di Pieve di Bono e presidente dell’ente Bim del Chiese. Molto più tardi in quello stesso ente era poi tornato ma come presidente dell’Esco Bim. Nella Democrazia Cristiana di allora, in Giudicarie, Nicolini era sostenuto e affiancato dagli storici sindaci dell’epoca tra cui Gianantonio Antolini di Tione, Fiorindo Malfer di Storo, Rino Galazzini e Eligio Valentini di Villa Rendena nonché da Aldo Ongari e Luca Carli assessori prima di lui in Provincia.

 

Nell’ambito della zona, ma non solo, Vigilio era molto conosciuto anche dal fatto che prima di entrare in politica insieme al compianto cugino Franco gestiva l’azienda di famiglia (Nicolini Bagni) con sede a Strada dove all’epoca i due cugini avevano casa. Vigilio era inoltre cognato di Basilio Mosca, storico insegnante e poi pure lui sindaco di Pieve di Bono. Le onoranze funebri sono in programma lunedì 4 aprile a Pieve di Bono.

 

PIEVE DI BONO – PREZZO. Montagna, sicurezza e primo soccorso: è questo il focus della serata informativa organizzata dalla Croce Rossa Gruppo Valle del Chiese.

 

 

L'evento è in programma il 5 aprile ad ore 20.30 presso l'Auditorium del centro scolastico di Pieve di Bono -Prezzo.

 

Scopri insieme a noi cosa mettere nello zaino per vivere appieno ogni avventura outdoor. Ti aspettiamo” invita la Croce Rossa.

 

L'ingresso è libero e gratuito. L'evento si svolgerà rispettando le norme anti-Covid. Green Pass e mascherina. Per info This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

More Articles ...