04
Sun, Dec

 

CONDINO. Sabato 9 aprile, a partire dalle ore 18.00, la sala polifunzionale di Condino a Borgo Chiese ospiterà l'evento intitolato "Super Eco-Bonus e investimenti nell'efficientamento energetico.

 

Opportunità per imprese e cittadini, soluzioni per l'ambiente". Sul palco assieme al consigliere provinciale ed organizzatore Alex Marini, siederanno il deputato, ex Ministro e ideatore del Super Eco-Bonus Riccardo FraccaroFlavio Zanetti, consigliere del collegio geometri della Provincia di Trento; Luca Martinelli membro della giunta esecutiva associazione artigiani con delega per il credito e l'ingegner Marco Loreti, esperto in progettazione di sistemi integrati di riscaldamento.

 

 

Il dibattito, aperto a tutti i cittadini interessati, verterà sulla presentazione delle opportunità connesse al Super Eco-Bonus e alle modalità per estendere e migliorare l'efficacia di questo provvedimento.

 

Come spiega il consigliere provinciale Alex Marini:«Sarà l'occasione di capire quali sono stati gli effetti della misura e quali sono le prospettive future di uno strumento che si è rivelato essenziale per rilanciare l'economia dopo la crisi Covid, perseguendo contestualmente l'efficientamento energetico delle nostre abitazioni e lo sviluppo di una cultura più attenta agli equilibri ambientali e alla sostenibilità»

 

 

BORGO CHIESE. Un masso di enormi dimensioni sì è staccato dal versante sottostante l'abitato di Brione: è successo nel pomeriggio di ieri, sabato 2 aprile. La strada di accesso alla frazione è stata chiusa.

 

Il masso è rotolato a gran velocità, attraversando due volte la strada e rompendo le infrastrutture di contenimento. Ha finito la sua corsa non troppo distante da un edificio. Le immagini scattate dall'elicottero della Pat rendono la massa del considerevole pezzo di roccia e la pericolosità dell'evento.

 

 

 

Sono seguiti gli accertamenti da parte della Provincia, del Comune e dei Vigili del fuoco di Condino e Brione. Alle ore 20.30 la strada era chiusa al traffico: Per chi avesse voluto rientrare a Brione in serata sono stati messi a disposizione i mezzi dei Vigili del fuoco, transitando dalla "strada vecchia". Per motivi di sicurezza, infatti, non è stato consentito il passaggio di altri veicoli. Il servizio è stato disponibile fino alle ore 24:00. Questa mattina una ditta incaricata dalla Provincia effettuerà dei disgaggi di massi pericolanti.

 

 

 

 

CIMEGO. Incidente sul lavoro nel pomeriggio di ieri, domenica 27 marzo, a monte della centrale idroelettrica di Cimego, Hydro Dolomiti Energia: un uomo di 47 anni sarebbe stato travolto dal carello che stava manovrando.

 

Sul posto sono ben presto confluiti un'ambulanza e l'elicottero sanitario proveniente da Mattarello con a bordo personale medico.

 

 

Visto che i colleghi di Cimego erano impegnati sul fronte fuoco di Bondone - fa sapere Roberto Pizzni capo pompieri di Condino - siamo intervenuti noi di Condino con Pieve di Bono per prestare servizio tecnico di appoggio all'elisoccorso.”

 

L'uomo non risulta della zona ma lavora per conto di una ditta esterna incaricata alla manutenzione della condotta. E' stato stabilizzato e caricato sull'elicottero per essere trasferito in emergenza codice rosso al Santa Chiara di Trento.

 

 

BORGO CHIESE. Finalmente la filodrammatica “El Grotel” di Condino guidata dal presidente Sergio Butterini può riaprire il sipario, dopo esattamente due anni di stop per la pandemia si torna in scena. L’appuntamento è per le serate di sabato 19 e domenica 20 marzo alle ore 20:45 presso il Polifunzionale di Condino.

«Lo spettacolo -spiega la regista Piera Bugna- era in programma per marzo di due anni fa, poi le restrizioni legate al covid-19 ci hanno costretti a rinviare l’evento più volte. Il nostro gruppo, composto da giovani talenti e componenti di vecchia data, non ha mai perso l’entusiasmo ed è lieto di poter tornare sul palcoscenico dopo un così lungo periodo di inattività.».

Al vecc col nöf no lè miga mal – storie della nostra gente di ieri, di oggi e non solo…” racconta in maniera divertente ma lasciando spazio anche per momenti di riflessione, dell’incontro-scontro tra generazioni diverse da cui nessuno uscirà vincitore. Il copione, scritto dai quattro interpreti più giovani della compagnia, è un omaggio alla storia delle origini del paese, del suo dialetto in un viaggio che ha lo scopo di coinvolgere e far avvicinare il pubblico a quel passato che è spesso dimenticato.

Oltre alla narrazione teatrale, sul palcoscenico verranno proposte reinterpretazioni di canti tradizionali di montagna in una versione musicale e corale soft rock acustica da parte del gruppo musicale le “Rocce Rosse” di Bondo. Una colonna sonora che ben si accosta al copione: ritmi e strumenti giovanili per musiche dal contenuto di un tempo.

Insomma, musica e teatro insieme per un connubio perfetto ma soprattutto per una causa lodevole.

La filodrammatica condinese, infatti, visto il brutto momento che stiamo vivendo ha deciso di devolvere metà degli incassi alla popolazione dell’Ucraina attualmente stretta nella morsa mostruosa della guerra.

Per assistere allo spettacolo saranno obbligatorie la mascherina FFP2 e il green pass rafforzato.

 

More Articles ...