25
Sun, Feb

 

L’outdoor e il turismo incontrano la sostenibilità: presentata a Riva la #proudtoshare week. Dal 9 al 14 maggio un ricco programma di iniziative culturali per approfondire come le discipline outdoor ed il turismo possano – e debbano – contribuire allo sviluppo sostenibile dei territori.

 

Credits Garda Dolomiti SpA

 

Incastonato tra il Lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, il territorio delle Alpi Ledrensi e Judicaria nel 2015 è stato riconosciuto Riserva di Biosfera dall’UNESCO nell’ambito del programma Man and the Biosphere (MAB), non solo in virtù della straordinaria biodiversità e della ricchezza storico-culturale che caratterizzano questa zona, ma anche per l’equilibrio instaurato tra uomo e natura nel corso dei secoli.

 

La straordinaria unicità di questo territorio sarà al centro delle iniziative della prima edizione di #proudtoshare week, promossa dalla Riserva di Biosfera Alpi Ledrensi e Judicaria. Da lunedì 9 a sabato 14 maggio, un ricchissimo calendario di iniziative culturali sarà sviluppato sulle tematiche delle discipline outdoor e del turismo connessi allo sviluppo sostenibile dei territori, in collaborazione con Garda Dolomiti Azienda per il Turismo S.p.A., con il contributo di Montura ed il supporto di Parco Naturale Adamello Brenta, Fondazione Dolomiti UNESCO, Aree Protette del Trentino e Muse.

 

Per l’importanza dei temi trattati la #proudtoshare week ha ottenuto il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento, della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO e del Comitato Tecnico Nazionale MAB UNESCO.

 

Alla conferenza stampa di presentazione di oggi, martedì 3 maggio, hanno partecipato: l’Assessore allo sport ed eventi di Riva del Garda Silvio Salizzoni, la Consigliera di Garda Dolomiti S.p.A., con delega alla cultura Susanna Serafini, il Presidente BIM Sarca – Mincio – Garda Giorgio Marchetti, il Responsabile Comunicazione Montura Roberto Bombarda e il Coordinatore Riserva di Biosfera Alpi Ledrensi e Judicaria Stefano Zanoni.

 

È un vero piacere accogliere una nuova iniziativa diretta alla valorizzazione territoriale a 360°. L’agenda di ‘#proudtoshare week’ rappresenta una vera ventata di rinnovamento e di voglia di vivere la natura e il nostro meraviglioso territorio” – ha dichiarato l’Assessore allo sport ed eventi di Riva del Garda Silvio Salizzoni, che ha portato il saluto della città.

Il programma alternerà esperienze sul territorio delle Alpi Ledrensi e Judicaria ad eventi on-line e coinvolgerà soggetti gestori di altre Riserve della Biosfera italiane ed internazionali, operatori del settore outdoor, ricercatori ed accademici, amministratori locali, imprenditori del settore turistico, associazioni ambientaliste, affrontando quattro tematiche principali:
l’impatto del cambiamento climatico sulle attività outdoor in natura: strategie di adattamento e mitigazione;
accessibilità e inclusività: l’esperienza della natura per tutti;
discipline outdoor: tramiti per scoprire la cultura materiale e immateriale del territorio;
capacità di carico turistico: gestire le esigenze di fruizione del territorio, garantendo la conservazione degli habitat.


“L’outdoor e la sua ricaduta sul territorio è uno dei temi sensibili sui quali la nostra APT sta ponendo particolare attenzione, – ha commentato Susanna Serafini, Consigliere Garda Dolomiti S.p.A. con delega alla cultura. – “Ribadire il valore della nostra destinazione come sito UNESCO è un ulteriore messaggio ad ospiti e residenti per avere sempre più cura ed attenzione della straordinaria ricchezza nella quale viviamo”.

 

Il convegno d’avvio dell’iniziativa si terrà lunedì 9 maggio alle ore 15:00 presso l’Astoria Resort di Riva del Garda che ha ospitato anche la conferenza stampa odierna di presentazione (posti limitati, per partecipare è necessario iscriversi: www.eventbrite.it/e/314482103437). Il convegno sarà occasione per fare una riflessione strategica sull’importanza dei temi affrontati e di come essi siano centrali per il perseguimento dello sviluppo sostenibile della Riserva di Biosfera MAB UNESCO Alpi Ledrensi e Judicaria.

 

Il MAB è già rappresentato da molte realtà e istituzioni dislocate sul territorio ma l’auspicio è quello di espandersi ulteriormente e diventare sempre più significativi, – ha spiegato Giorgio Marchetti, Presidente BIM Sarca – Mincio – Garda -. La #proudtoshare week coinvolge grandi personalità di livello internazionale, e sta ricevendo attenzione anche da parte di molti studenti stranieri: le nostre riflessioni su come coniugare turismo e fruibilità dell’ambiente, outdoor e sviluppo green, avranno una rilevanza e una visione a livello internazionale.”

 

Nel corso della settimana si terranno tavole rotonde, webinar e visite sul territorio insieme ad esperti della materia per analizzare meglio il cuore dell’iniziativa. La #proudtoshare week terminerà sabato 14 maggio con una conferenza stampa conclusiva e la firma del protocollo di intesa tra le Riserva della Biosfera Alpi Ledrensi e Judicaria, Appennino Tosco-Emiliano e Champlain-Adirondack (USA), presso la sede BIM Sarca Mincio Garda a Tione alle ore 12:00.

 

A fianco di #proudtoshare week ci sarà anche la significativa presenza di Montura, marchio leader del mondo dell’outdoor e particolarmente vicino alle tematiche della sostenibilità e del territorio. “Prima ancora di #proudtoshare – orgogliosi di condividere – dobbiamo essere #proudtobe, quindi orgogliosi di essere una Riserva della Biosfera UNESCO: dobbiamo sentirci fortunati a poter vivere e godere di un territorio straordinario. L’ambiente è la base dello sport outdoor ed è interesse prioritario per chi vive di questo tutelarlo e garantirne la qualità” – ha commentato Roberto Bombarda, Responsabile Comunicazione di Montura.

 

La partecipazione agli eventi è gratuita fino ad esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria (CLICCA QUI per vedere il programma e prenotare).



 

A poco più di dieci giorni dall'Assemblea generale dei soci che ha eletto i 22 componenti del Consiglio di amministrazione (Cda) di Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio, il neoeletto Cda si è riunito nel tardo pomeriggio di ieri per nominare il Presidente, il Vicepresidente e il Comitato esecutivo (Ce). Riconfermati, alla carica più alta, Tullio Serafini e, in qualità di Vicepresidente, Cecilia Maffei (Consorzio Pinzolo-Val Rendena per il Turismo). Nel segno della continuità anche il Comitato esecutivo che, per il triennio 2022-2025, risulta così composto: Valeria Alessio (Associazione Commercianti e Imprenditori Madonna di Campiglio), Christian Armani (Gruppo Albergatori Madonna di Campiglio e Sant'Antonio di Mavignola), Daniele Bertolini (Consorzio Giudicarie Centrali), Bruno Felicetti (Funivie Madonna di Campiglio), Andrea Pedretti (Funivie Pinzolo), Mario Zanon (Comune di Pinzolo), oltre a Presidente e Vice Presidente.

Come già comunicato dopo l'Assemblea generale, nomi nuovi, tra cui quelli di alcuni giovani imprenditori dai quali si attendono un nuovo impulso e un energico supporto, sono stati eletti nel Consiglio di amministrazione.

 

 

"I tre anni precedenti - è stato il commento del presidente Tullio Serafini - sono stati complessi ed impegnativi per tanti motivi, dalla pandemia al percorso di cambiamento definito dalla nuova Legge provinciale sul turismo (n° 8 del 2020) con l'adeguamento alle nuove procedure amministrative e l'adozione di nuovi adempimenti e regolamenti collegati fino alla riorganizzazione della struttura aziendale interna. Il lavoro continua ora con la consueta determinazione e l'obiettivo di realizzare i progetti decisi nei piani annuali di marketing ispirati dal Piano strategico pluriennale che abbiamo elaborato ascoltando e coinvolgendo tutte le voci del territorio. Aggiungo, in conclusione, che in questa fase la continuità di azione è determinante per proseguire nel lavoro di esecuzione del Piano strategico. Un sincero ringraziamento a soci, operatori, amministratori e consiglieri per la fiducia dimostratami, da parte mia garantirò impegno e "passione" quotidiana nel lavoro all'interno di Azienda per il Turismo". (AV)

 

 

 

Riproposta l’iniziativa della Comunità a favore delle famiglie. Scadono il 18 maggio i termini per la presentazione delle domande.

 

 

Il Commissario della Comunità delle Giudicarie, con proprio decreto n. 26 del 5 aprile 2022, ha approvato il bando per l’istituzione di borse di studio a favore dei ragazzi residenti nel territorio della Comunità, dai 6 ai 18 anni compiuti, che frequenteranno la Scuola Musicale Giudicarie per l’anno scolastico 2022/2023. Il limite dell’età è elevato a 40 anni per i cittadini disabili.

 

Il sostegno della Comunità di Valle verso studenti e famiglie è riconducibile alla convinzione che la musica e, in generale, l’arte rappresentino autentiche opportunità per migliorare la qualità della vita delle persone, sviluppandone la sensibilità soggettiva, ma anche favorendo percorsi di crescita sul piano sociale e collettivo. La musica, in tutte le sue declinazioni, costituisce per l’uomo un’esperienza, un viaggio virtuale delle emozioni, che diventano ancora più preziose nel mondo contemporaneo, dominato da ritmi molto intensi, da modelli di vita troppo inclini al materialismo e minato da serie preoccupazioni per il futuro. Per tali motivi riteniamo che l’investimento culturale sia oggi ancora più irrinunciabile.

 

Ciascuna borsa di studio ha un valore pari al 70% della quota di iscrizione, fino a un importo massimo di € 500,00. I moduli di domanda possono essere scaricati anche dal sito web della ComunitàTutte le domande con i relativi allegati dovranno pervenire alla Comunità delle Giudicarie, anche tramite mail (This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.) entro e non oltre mercoledì 18 maggio 2022.

 

Per poter accedere al contributo il nucleo familiare deve avere un indicatore ICEF con indice minore di 0,45 risultante dalla “DOMANDA UNICA 2021” (redditi 2020). La graduatoria verrà stilata in base al coefficiente dell’indicatore ICEF dichiarato nella domanda unica per l’anno scolastico 2022/2023; coloro non in possesso di tale coefficiente devono recarsi presso un CAF abilitato per il calcolo del medesimo. La persona beneficiaria dovrà iscriversi alla Scuola Musicale Giudicarie e versare, entro il 31 ottobre 2022, l’intera quota di iscrizione, pena la revoca del contributo. La borsa di studio sarà accreditata direttamente sul conto corrente del richiedente.

 

È stata ultimata la distribuzione del Giornale delle Giudicarie di aprile da parte della Cooperativa sociale Lavoro, con sede in località Copera a Zuclo.

L'associazione che edita il Giornale delle Giudicarie chiede a chi non lo avesse ricevuto di segnalarlo all'indirizzo di posta elettronica This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. oppure di chiamare il numero della cooperativa: 0465-326420 oppure quello del Giornale delle Giudicarie, 0465322934.

 

 

Chi lo vuole sfogliare online lo trova qui

 

 

 

Avvicinare le Giudicarie a Trento, non solo in senso ideale ma anche fisico attraverso il disegno di una rete viabilistica capace di fare fronte all’esigenza di collegamenti rapidi ed efficaci per non pagare il prezzo della marginalità infrastrutturale in Trentino.

 

È il tema principale, una sorta di impegno, assunto dall’assemblea del circolo di Fratelli d’Italia del territorio delle Giudicarie riunitosi per imprimere l’accelerazione sul lavoro nel territorio per dare voce ad una comunità stretta attorno a Giorgia Meloni, che sta crescendo in tutto il Trentino e si conquista un ruolo di primo piano anche nelle vallate occidentali.

 

Quelle meno fornite dal punto di vista dei collegamenti ma quelle che anche rivendicano un ruolo centrale nell’economia e nello sviluppo delle politiche provinciali. Sanità territoriale, grandi opere (non solo in tema viabilistico), sostegno all’economia ed ai bisogni sociali crescenti anche in questa parte di provincia, su tutto questo hanno indicato la strada il presidente del Circolo Angelo Rasi ed il sindaco di Castel Condino Stefano Bagozzi che hanno incontrato il commissario provinciale del partito consigliere regionale Alessandro Urzì ed il vicecommissario Cristian Zanetti nel corso di un affollato incontro con il Circolo.

 

 

Fratelli d’Italia sta radicando la propria rete in modo capillare anche nelle Giudicarie. Il rapporto con il gruppo consiliare provinciale ed il partito è solido. Gli obiettivi ambiziosi: “Quando avevamo detto – dice Urzì – che volevamo lasciare una impronta nella maggioranza, ecco proprio sui temi che riguardano il territorio abbiamo la consapevolezza di avere un dovere morale molto importante, e faremo la nostra parte. Abbiamo anche la convinzione che si dovrà testimoniare con maggiore energia il segno del cambiamento che avevamo assieme auspicato nel 2018. FdI è in coalizione ma non in giunta, dove non ha assessori. Ecco quale il nostro compito, ricordare a chi siede in giunta provinciale i nostri contratti morali assunti con le popolazioni della nostra provincia. In Giudicarie c’è voglia di fare sentire la propria voce”.

 

*
Il coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia

 

 

Da domenica 24 aprile a domenica 2 ottobre. Dalla primavera all'autunno. Sono ben 26 le escursioni guidate nei territori dell'Alto, Medio e Basso corso della Sarca, alla scoperta delle tante riserve naturali e dei percorsi di visita che costituiscono il ricco palinsesto tematico del Parco Fluviale Sarca.

A guidare le escursioni organizzate dal Parco i professionisti di Mountain friends (per l'Alto corso) e Albatros (Basso e Medio corso), che svolgeranno in questo modo anche il ruolo di ambasciatori del Parco, svelandone i segreti e illustrandone le particolarità.

L'iscrizione è obbligatoria e gratuita. Va effettuata entro le ore 18.00 dei venerdì precedenti le escursioni, che si svolgeranno sempre nel fine settimana dalle 9:30 alle 14:30. In ognuna è prevista una sosta per il pranzo al sacco, che non è fornito.

In caso di mal tempo, le escursioni verranno annullate e recuperate in data successiva, che sarà comunicata direttamente agli iscritti da Mountain friends e da Albatros.

 

I migliori "esploraparco", cioè coloro che svolgeranno più escursioni sia in alto che in basso e medio corso, saranno premiati dal Parco Fluviale Sarca con bellissimi omaggi.

 

I RIFERIMENTI ORGANIZZATIVI:

Alto Sarca - Mountain Friends
iscrizioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
informazioni: 
3453858648

Basso e Medio Sarca – Albatros
iscrizioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
informazioni: 340 7615644




IL PROGRAMMA:

 

ALTO SARCA

domenica 24 aprile
I segreti della Val Genova: acqua, roccia, fuoco (Pinzolo/Carisolo)

domenica 1 maggio
Le cà da mont: boschi e prati della ZSC Tione - Villa Rendena (Tione/Porte di Rendena)

sabato 14 maggio
Il parco agricolo: alla scoperta dell'Ontaneta di Caderzone (Caderzone/Strembo/Bocenago)

domenica 22 maggio
Un paesaggio che cambia: ambienti acquatici e specie invasive in Val Rendena (Spiazzo/Pelugo)

domenica 5 giugno
Motori ad acqua: le acque industriose delle Giudicarie centrali (Borgo Lares/Tione)

domenica 12 giugno
Le sorgenti della Sarca, Val di Nambino e Riserva locale Zeledria (Madonna di Campiglio)

domenica 26 giugno
I tesori della terra:boschi rari e biodiversità tra Pinzolo e Giustino (Giustino/Massimeno)

domenica 3 luglio
Ponte Pià: il lago che non c'era (Tre Ville - Ponte Pià)

domenica 17 luglio
Sella Giudicarie, storia e vita di un torrente (Sella Giudicarie)

domenica 24 luglio
L'oro verde di Camp'Antic: prati aridi e malghe di montagna (Tione - Le Sole)

domenica 4 settembre
I mulini di Montagne: acqua di montagna (Tre Ville - Montagne)

domenica 11 settembre
A Stenico nella valle dei Mulini (Stenico)



BASSO E MEDIO SARCA

domenica 24 aprile
La via dell'acqua: roggia di Calavino, Madruzzo, Toblino (Madruzzo)

domenica 1° maggio
Dalla Sarca al Bosco Caproni (Arco)

sabato 14 maggio
Paesaggi mediterranei: il sentiero Busatte-Tempesta (Nago Torbole)

domenica 22 maggio
L'incanto del Banale: antiche vie ai piedi del Brenta (San Lorenzo Dorsino)

domenica 5 giugno
Lomasona tutta da scoprire (Comano Terme)

domenica 12 giugno
Meraviglioso Brione, scrigno di biodiversità (Riva del Garda)
in collaborazione con Museo Alto Garda

domenica 26 giugno
Acini baciati dall'Ora (Cavedine)

domenica 3 luglio
Carera: l'evoluzione di un lago antico (Fiavé) 

domenica 17 luglio
La forra del Limarò: storie di acqua e rocce (Ponte Arche - Comano)

domenica 24 luglio
Bleggio, incanto di natura e cultura (Bleggio Superiore) 

domenica 4 settembre
Segni di antichi ghiacciai (Vallelaghi)

domenica 11 settembre
I patriarchi della natura: cultura e colture del Castagno (Drena) 

domenica 25 settembre
Un sorprendente oceano di pietra: giro delle Marocche di Dro (Dro) 

domenica 2 ottobre
Acqua che racconta (Sarche-Torbole - bicicletta)

 

Nelle valli Rendena e Chiese, la ciclabile diventa “dei fiori”. Siamo nel Trentino occidentale, nell’ambito turistico di Madonna di Campiglio dove le guglie delle Dolomiti di Brenta Patrimonio dell’Umanità incontrano le distese di ghiaccio dell’Adamello Presanella.

 

 

A valle di queste possenti montagne, vestite ancora d’inverno, la primavera lancia i suoi segnali di vita e i prati lungo la ciclopedonale della Val Rendena (24 km da Carisolo al lago di Ponte Pià, poco dopo Tione di Trento) e della Valle del Chiese (28 km da Bondo fino a Baitoni sul lago d’Idro lungo una ciclopedonale alternata a tratti su strade a basso scorrimento) diventano una tavolozza di colori. Un quadro “impressionista”, dal titolo “Ciclabile dei fiori” che invita ad essere conosciuto in sella alla bicicletta, da soli, in compagnia o in famiglia, con i bambini.

 

Entrambe le ciclopedonali sono adatte a tutti. Inoltre, nei weekend (sabato e domenica) dal 16 aprile al 5 giugno, un comodo bicibus (solo su prenotazione da https://campigliodolomiti.openmove.com/ 5 euro il biglietto per gli adulti, gratuità per i bambini minori di 8 anni) permetterà di percorrere la sola andata o il solo ritorno e tornare comodamente all’automobile una volta conclusa l’esperienza tra sport, natura e scoperta del più bel vivaio primaverile all’aria aperta che la natura possa presentare.

Cosa possiamo ammirare in questa variegata tavolozza di colori? Lungo la “Ciclabile dei fiori” si osservano colori e si sentono profumi che appartengono a oltre 600 specie floristiche, come ci racconta Marco Merli, esperto ed appassionato di botanica, curatore dell’Area naturalistica Rio Bianco presso la Casa del Parco Flora a Stenico e conoscitore delle piante e dei fiori che crescono sui monti del Trentino occidentale come pochi altri.

Tutti gli esemplari botanici, dai fiori più semplici e comuni a quelli più rari e curiosi, sono indicati in una mappa a disposizione degli ospiti presso gli uffici di Azienda per il Turismo e online su campigliodolomiti.it.

Qualche indizio su questa singolare “caccia al fiore”. Tra Pinzolo e Caderzone Terme, dopo il bianco del bucaneve e del campanellino che annunciano l’arrivo della primavera, si potranno incontrare il giallo del tarassaco e del ranuncolo. Verso Spiazzo l’azzurro che vira al viola dell’erba medica e a Pelugo il rosa del corydalis e il verde dell’edera. Da Darè e Javrè verso Tione di Trento, in località Sesena, prati multicolore con numerose piante officinali come l’iperico e la salvia pratense e alimurgiche come lo spinacio di monte.

A Ponte Pià il salice bianco e il salice rosso e la fioritura tardiva, che si conclude ad aprile, della rosa di Natale. Superate le Giudicarie Centrali, prima di entrare nel cuore della Valle del Chiese, attorno al lago di Roncone, la protagonista sarà la cannuccia di palude. Spettacolo nello spettacolo, a Storo, lungo gli aridi pendii a fianco della ciclopedonale, i più attenti potranno osservare piante officinali come la potentilla, l’iperico, la piantaggine, la silene e alcune orchidee rare e multicolori. Infine, al lago d’Idro, troviamo il rarissimo giunchino aghiforme, dotato di aghi come un pino, che trova il suo luogo ideale di innesto nell’area del biotopo.

La nuova proposta è un invito alla scoperta del paesaggio dolce del fondovalle, dei prati colorati attorno ai paesi di montagna e della biodiversità che anima le sponde dei fiumi Sarca e Chiese e le rive dei laghi d’Idro e Roncone sui quali, dal 2020, sventola la “Bandiera Blu”, il riconoscimento attribuito da Fee (Foundation for Environmental Education – Fondazione per l’Educazione Ambientale, un’organizzazione internazionale non governativa e non-profit con sede in Danimarca) per “premiare” i comuni rivieraschi con una conduzione sostenibile del territorio.

La “Ciclabile dei fiori” è uno dei due nuovi progetti di “turismo lento” ideati dall’Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio per accompagnare la stagione turistica di passaggio tra l’inverno e l’estate, dando alla primavera un carattere nuovo, arricchito di proposte e servizi nuovi.

L’altro progetto porta il nome di “Itinerari dell’acqua”, una selezione di 12 affascinanti percorsi da Madonna di Campiglio al lago d’Idro, a bassa e a mezza quota, nel Parco Naturale Adamello Brenta Geopark, alla scoperta delle cascate e dei laghi più spettacolari e sorprendenti nel periodo del loro massimo splendore, da metà aprile a fine giugno. Le cascate di Vallesinella (Campiglio) e della Val Genova, la Cascata della Cravatta (Val di Breguzzo) la Cascata Regina del lago (Val di Daone), il Sentiero etnografico Rio Caino (Cimego) e il lago d’Idro, biotopo scrigno di biodiversità, sono alcuni degli esempi più particolari. Tutti i percorsi sono mappati e descritti su www.campigliodolomiti.it/itinerari-acqua.

Affrettatevi, la primavera corre veloce e per ammirare la fioritura c’è tempo fino all’inizio di giugno quando il primo taglio dei prati si porterà via le essenze floristiche segnando l’arrivo dell’estate.

L’itinerario completo, la mappa floristica e gli orari del servizio di bicibus sono disponibili su www.campigliodolomiti.it/ciclabile-fiori.

 

More Articles ...