25
Sun, Feb

Il Circolo Fratelli d'Italia delle Giudicarie punta ad avvicinare il territorio a Trento, tema principale la viabilità

Giudicarie
Typography

 

Avvicinare le Giudicarie a Trento, non solo in senso ideale ma anche fisico attraverso il disegno di una rete viabilistica capace di fare fronte all’esigenza di collegamenti rapidi ed efficaci per non pagare il prezzo della marginalità infrastrutturale in Trentino.

 

È il tema principale, una sorta di impegno, assunto dall’assemblea del circolo di Fratelli d’Italia del territorio delle Giudicarie riunitosi per imprimere l’accelerazione sul lavoro nel territorio per dare voce ad una comunità stretta attorno a Giorgia Meloni, che sta crescendo in tutto il Trentino e si conquista un ruolo di primo piano anche nelle vallate occidentali.

 

Quelle meno fornite dal punto di vista dei collegamenti ma quelle che anche rivendicano un ruolo centrale nell’economia e nello sviluppo delle politiche provinciali. Sanità territoriale, grandi opere (non solo in tema viabilistico), sostegno all’economia ed ai bisogni sociali crescenti anche in questa parte di provincia, su tutto questo hanno indicato la strada il presidente del Circolo Angelo Rasi ed il sindaco di Castel Condino Stefano Bagozzi che hanno incontrato il commissario provinciale del partito consigliere regionale Alessandro Urzì ed il vicecommissario Cristian Zanetti nel corso di un affollato incontro con il Circolo.

 

 

Fratelli d’Italia sta radicando la propria rete in modo capillare anche nelle Giudicarie. Il rapporto con il gruppo consiliare provinciale ed il partito è solido. Gli obiettivi ambiziosi: “Quando avevamo detto – dice Urzì – che volevamo lasciare una impronta nella maggioranza, ecco proprio sui temi che riguardano il territorio abbiamo la consapevolezza di avere un dovere morale molto importante, e faremo la nostra parte. Abbiamo anche la convinzione che si dovrà testimoniare con maggiore energia il segno del cambiamento che avevamo assieme auspicato nel 2018. FdI è in coalizione ma non in giunta, dove non ha assessori. Ecco quale il nostro compito, ricordare a chi siede in giunta provinciale i nostri contratti morali assunti con le popolazioni della nostra provincia. In Giudicarie c’è voglia di fare sentire la propria voce”.

 

*
Il coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia