25
Sun, Feb

“Il mondo che vorrei”. Parte da Giustino la via Crucis di Casa Vite Intrecciate

Giudicarie
Typography

 

L’associazione “Casa Vite Intrecciate” di Giustino (Val Rendena) in questo periodo quaresimale sta portando, nelle diverse parrocchie delle Giudicarie e del Trentino, una Via Crucis molto particolare. Si tratta di testimonianze che provengono dalle diverse parti del mondo di persone quali missionari o comunque individui che prestano il loro mandato o servizio in molte zone ‘calde’ dove la sofferenza, acuita dalla malvagità degli uomini, provoca situazioni di disagio, emarginazione e di grande sofferenza.

Le ‘Testimonianze’ lette dall’ambone delle chiese sono supportate dall’animazione, di ogni stazione della Via Crucis con dei simboli posti da un giovane ai piedi di una croce con a fianco una candela accesa e sopra la croce un velo di tulle colorato. Nella chiesa di Tione al termine dell’ascolto delle testimonianze, intervallate da una preghiera don Celestino e dai fedeli, i veli di ‘tulle’ sono stati legati alla grande Croce posta la centro dell’altare, quasi a formare una sorta di ‘braccia colorate’ protese verso l’assemblea dei fedeli.

 

 

Va anche ricordato che i giovani che hanno animato la celebrazione provengono da diverse città italiane e rimangono chi un anno o più nella Casa di Giustino a prestare la loro opera a favore di chi ha bisogno, sia nel lavoro che nelle celebrazioni o momenti vari di animazione. 

E negli anni sono state diverse anche le tematiche affrontate tanto per citarne alcune: “La tua croce è la mia croce” nel 2021, “E se fosse tuo figlio”? nel 2022

“Il Mondo che vorrei” è la Via Crucis del 2023 che viene presentata quest’anno: per riflettere su situazioni complesse dove gli esseri umani vivono in maniera brutale portando ‘croci molto grosse’, diventa uno stimolo per cercare insieme di approfondire e far capire – coinvolgendole – le tante comunità della nostra zona.

I prossime appuntamenti dopo quello di Tione del venerdì 3 marzo e quello di Caderzone di martedì 7 marzo alle ore 20.00, saranno a Cogolo martedì 14 alle 20.00, a Javré mercoledì 15 

alle ore 20.00, a Ponte Arche giovedì 16 alle ore 20.00, a Lasino venerdì 17 alle ore 20.00, a Mavignola il giovedì  23 ad ore 20.00, a Mattarello venerdì 24 marzo alle 18.30, Rabbi venerdì 31 marzo alle ore 20.00 e a “Pian del Levro” (Monastero di Monaci in Vallarsa) domenica 2 aprile alle ore 14.00.