14
Sun, Jul

Borse di studio della Comunità delle Giudicarie per frequentare la Scuola Musicale

Giudicarie
Typography

 

Il Presidente  della Comunità delle Giudicarie, con proprio decreto n. 37 del 4 aprile 2023, ha approvato il bando per l’istituzione di borse di studio a favore dei ragazzi residenti nel territorio della Comunità, dai 6 ai 18 anni compiuti, che frequenteranno la Scuola Musicale Giudicarie per l’anno scolastico 2023/2024. Il limite dell’età è elevato a 40 anni per i cittadini disabili.

 

Ciascuna borsa di studio ha un valore pari al 70% della quota di iscrizione, fino a un importo massimo di € 500,00.  I moduli di domanda possono essere scaricati anche dal sito web della Comunità www.comunitadellegiudicarie.it.

 

Tutte le domande con i relativi allegati dovranno pervenire alla Comunità delle Giudicarie, anche tramite mail (This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.), entro e non oltre giovedì 18 maggio 2023.

 

 

Per poter accedere al contributo il nucleo familiare deve avere un indicatore ICEF con indice minore di 0,45 risultante dalla “DOMANDA UNICA 2022” (redditi 2021). La graduatoria verrà stilata in base al coefficiente dell’indicatore ICEF dichiarato nella domanda unica per l’anno scolastico 2022/2023; coloro non in possesso di tale coefficiente devono recarsi presso un CAF abilitato per il calcolo del medesimo. La persona beneficiaria dovrà iscriversi alla Scuola Musicale Giudicarie e versare, entro il 31 ottobre 2023, l’intera quota di iscrizione, pena la revoca del contributo. La borsa di studio sarà accreditata direttamente sul conto corrente del richiedente.

 

Il Presidente Giorgio Butterini precisa: “Il sostegno della Comunità di Valle verso studenti e famiglie è riconducibile alla convinzione che la musica e, in generale, l’arte rappresentino autentiche opportunità per migliorare la qualità della vita delle persone, sviluppandone la sensibilità soggettiva, ma anche favorendo percorsi di crescita sul piano sociale e collettivo. La musica, in tutte le sue declinazioni, costituisce per l’uomo un’esperienza, un viaggio virtuale delle emozioni, che diventano ancora più preziose nel mondo contemporaneo, dominato da ritmi molto intensi, da modelli di vita troppo inclini al materialismo e minato da serie preoccupazioni per il futuro. Per tali motivi riteniamo che l’investimento culturale sia oggi ancora più irrinunciabile”.

./.

L’Assessore alle Attività culturali Flavio Riccadonna sottolinea che “l’arte dei suoni è in grado di trasmettere forti emozioni, accresce il nostro benessere e migliora il nostro umore. La musica aiuta ad alleviare lo stress, ad aumentare la concentrazione e la capacità di ascolto. E’ un mezzo straordinario per rafforzare i legami sociali e una forma di comunicazione che va oltre le parole. In poche parole un’efficace toccasana per l’individuo e la società, di cui  vogliamo, convintamente, favorirne l’apprendimento e la diffusione. A tal fine la Scuola Musicale delle Giudicarie rappresenta senza dubbio l’unica e vera opportunità consolidata e professionale del nostro territorio”.