27
Mon, Jun

La classe quinta della Scuola Primaria di Caderzone in visita al Senato della Repubblica

Uncategorised
Typography

 

CADERZONE. Gli alunni della classe quinta della Scuola Primaria “Tranquillo Giustina” di Caderzone Terme (TN) hanno partecipato al Progetto-Concorso "Vorrei una legge che…", iniziativa promossa dal Senato della Repubblica in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

 

Dopo un’attenta analisi della lettura del bando, nel mese di novembre, gli alunni con tanta intraprendenza e curiosità, si sono calati nel ruolo di senatori, affrontando varie tematiche, per loro di primaria importanza, per realizzare un disegno di legge. Sono stati coinvolti in questo progetto e si sono riuniti per proporre, discutere e approvare una legge che risponda alle loro esigenze. Con la loro creatività, tenacia e intraprendenza hanno portato avanti questo progetto, raggiungendo ottimi risultati, qualificandosi tra le undici scuole vincitrici d’Italia e unica scuola trentina a ricevere il riconoscimento il 2 maggio 2022 a Palazzo Madama.

 

 

Vorrei una legge che… realizzasse un treno per viaggiare sicuri e tutelare il nostro ambiente”. È questo il titolo della legge nata dalla loro fantasia e dalle loro richieste. Partendo dal contesto ambientale di una regione come il Trentino, è nata l'idea di proporre una legge che salvaguardi il territorio, l'ambiente e il paesaggio, preservando la bellezza e l'autenticità paesaggistica.

L’entusiasmo dei bambini nella realizzazione di questo progetto ha consentito di arricchire l’offerta formativa e di sviluppare abilità e competenze trasversali. Questa si è rivelata certamente un’esperienza utile e istruttiva.

 

È doveroso esprimere un caloroso ringraziamento al dirigente scolastico dell’istituto, Giuseppe Prigiotti, ai sindaci dei Comuni di Caderzone, Strembo e Bocenago, per aver reso possibile questa esperienza indimenticabile.

Grazie alla maestra Antonella Pugliese, promotrice del progetto, per avere trasmesso agli alunni il valore di appartenenza e rispetto del territorio, allo scopo di sensibilizzarli sui bisogni sociali e di avvicinarli alle Istituzioni.

Grazie alla maestra Silva Pasquali, delegata di sede, per la disponibilità e il sostegno dimostrato durante il viaggio a Roma.

Grazie anche alle famiglie che hanno accolto con impegno e spirito di collaborazione questo evento.

Il successo è il punto di contatto tra la fortuna e l’impegno”.