17
Sat, Apr

“Èser dòna ntàl Dumìla”. La dedica di Mario Antolini per l'otto marzo

Tione
Typography

 

Èser dòna ntàl Dumìla

*

I gà mès tànç de quèi sècoi i òmi

per acòrgerse de avér lasàde le DÒNE

màsa ’n bànda e tratàde quasi da sèrve

e ciapàndo sól él bèl che èle le déva.

Na bóna ’òlta e ’ntàl Dumìla

le è stàde èle che le s’è fàte sentìr

ànca a cólpi de sbèrle e sberló’

e l’è stàde bóne de avérghe ànca na “Fèsta”

che i fa ancó ’n tùt él Mondo.

Na “fèsta” che la dovrìa far “pensàrghe su”:

a i òm a quèl che le DÒNE le è e le dà

e ànca a le DÒNE a quèl che le è e le sé sénte.

*

Dòna” ’l dovrìa volér dir sól “Màma”:

na cadéna ’nfinita de màme

che l’ùna dopo l’àltra, sól per amór,

le à volèst portàr dént dé èle

el “dono dé Dio” pù grànt dé ’l móndo.

Ma i òm - i màs-ci - éntà ’l móndo

i à misià sù tùt e i à ’ngazeredà la vita

e ànca la DÒNA i la rebaltàda

e i à volèst fàrla deventàr na bàmbola

da usàr a giugàr e da far giràr

per vénderla e compràrla

come ’n giugàtol: én laór da gnént!

Ma le DÒNE le à capì

che ghèra vergùgn che le compréva

e che i voléva fàrne vergót

da giugàr e da comandàrghe;

e, alóra, le à tirà sù le rèce

e l’è s’è mèse a molàr giù sbèrle

e le s’è mèse a osàr, a fàrse sentìr.

*

Mi, da pòro òm che sò e mé sénto

ancó òt de màrz del Vintùn

vorìa dìr a le DÒNE del Dumìla

quèl che gò scrìt amó quàlche àn fa:

«Forse nó ghè negùgn che té àida,

ma ti convìncete che “ti té sè ti”,

sol ti có ’n ti e pù grànda dé na cà’;

él Signór él t’à fàta Èl come ti tè sè,

él t’à volèsta come ti té té sénte.

Dàghe ’l tó amór a chi él se le mèrita,

ma no stà piegàrte mài a i òm

che có ’n ti i vól sól giugàr

o da ti i pretènd vergót

che nó i tè ’l renderà endré mai.

Se ’l gràn bé’ che tè ghè dént dé ti

él sà volérse piegàr sa vergùgn

perché ’l tó cór l’è sempre pié’ d’amór...

alóra piéghete co’ le caréze dé le tó ma’

có ’l sorriso dé la tó bèla bóca

sa quèi che i gà amó bisògn dé ti

e sa quèi che i tè capìs e i è bóni de tór su

tùt él tó bèl e ’l to bó’ che tè ghè adòs!

Séntete padróna de tì, del tó bèl e del tó bó’;

dàghei sól a chi ’l se lo mèrita

a Quèl e a quèi che i Tè merita…»

 

 

*

Essere donna nel Duemila. Hanno impiegato secoli e secoli gli uomini / per accorgersi di aver lasciato le donne / troppo da parte e trattate quasi come serve / e usufruendo soltanto del bello che loro davano. / Una buona volta, nel Duemila, / sono state capaci di farsi sentire /anche a colpi di sberle ceffoni / e si sono resi capaci di aver pure una “Festa” / che oggi celebrano in tutto il mondo. / Una “Festa” che dovrebbe far riflettere: / agli uomini a quello che le donne sono e danno / e pure alle donne a quello che si sentono di essere / di voler e dover essere. / * “Donna” dorrebbe voler dire soltanto “Mama”: / una catena infinta di mamme / che l’una dopo l’altra, soltanto per amore, / hanno voluto portare dentro di sè / il “dono di Dio” più grande del mondo. / Ma gli uomini - i maschi - nel mondo / hanno mescolato tutto arraffata la vita / ed anche la donna l’hanno rovesciata / e hanno voluto farla diventare una bambola / da usare per giocare e da far girare / come una giostra da sederci sopra. / Le hanno fatto dei bei / l’hanno colorita e dipinta / le hanno inventati i topless / i body e gli stivali; / e dopo l’hanno messa in vetrina / per venderla e comprarla / come un giocattolo, un oggetto da nulla! / Ma le donne hanno capito / che c’era qualcuno che le comperava / e che voleva farne qualcosa / per giocarne e da sottomettere; / ed allora hanno alzato le orecchie / e si sono messe a dare schiaffi / e si sono messe a gridare ed a farsi sentire. * Io, da pover’uomo che sono e mi sento, / oggi otto marzo del Ventuno, / vorrei dire a ciascuna Donna del Duemila quello che ho scritto qualche anno fa: / «Forse non c’è nessuno che ti aiuta / ma convinciti che “tu sei tu” / solo tu con te e più grande di una casa; / il Signore ti ha fatta tu come tu sei / e ti ha voluta come tu ti senti di essere. / Dona il tuo amore a chi se lo merita / ma non piegarti mai agli uomini / che con te vogliono soltanto giocare / o che pretendono qualcosa / che non te lo ridaranno mai. / Se il gran bene che hai dentro di te / sa volersi piegare su qualcuno / perché il tuo cuore è sempre pieno d’amore… / allora piegati, con le carezze delle tue mani / e col sorriso della tua bella bocca, / su coloro che hanno ancora bisogno di te / e su coloro che ti capiscono e che sono capaci di raccogliere / tutto il tuo “bello” e tutta la tua “bontà” che porti con te. / Sentiti padrona di te, del tuo bello e del tuo bene; / dalli soltanto a chi se lo meritano / a Colui ed a quelli che Ti meritano ». ---- Mario Antolini Musón.