04
Sun, Dec

Campeggio “Madòna del Mónt” al top!

Tione
Typography

 

TIONE. Finalmente, dopo questi ultimi due anni di pandemia in cui tutto era ‘chiuso’ e molte attività limitate o addirittura cancellate, hanno aperto i ‘battenti’ i cosiddetti Campeggi alla “Madòna del Mónt”. La Parrocchia di Tione – dove opera al suo interno un Comitato preposto per la gestione della Casa Campeggio adiacente al Santuario dell’Addolorata in località ‘Tragole’ a 1250 slm. – ha nuovamente promosso i classici due turni di Campeggio che quest’anno hanno avuto un vero e proprio bum di richieste. Al primo turno che si è svolto nella settimana dal 19 al 25 giugno ed era rivolto ai bambini dalla 3a alla 5a elementare hanno partecipato 35 bambini, mentre al secondo turno che si è svolto dal 7 al 13 agosto dedicato a ragazzi dalla prima alla terza media per un totale di 43.

 

 

Un aspetto molto importante dell’organizzazione ci tengono a sottolinearlo i responsabile è proprio la programmazione di questi periodi di ‘vacanza intelligente’ anche se soltanto di una settimana. C’è bisogno infatti di responsabili, di animatori e animatrici, di cuoche insomma un vero e proprio staff di ‘volontari’ che non è sempre facile da trovare. A partire dal novembre dello scorso anno infatti gli animatori si sono trovati quasi ogni settimana fino al giorno prima del primo turno per poter conoscersi, fare gruppo e infine progettare e preparare tutta la programmazione delle attività che sarebbero state attivate durante i Campeggi.

 

In totale gli animatori (studenti e studentesse) erano 16: di cui 8 impegnati a gestire il 1° turno e 8 al secondo l’età di questi giovani varia dai 15 ai 18 anni.

Durante il 1° turno era presente un responsabile Roberto Zoanetti e altri due che si sono dati il cambio a metà settimana, Mauro Antolini e Marco Paissan.

Durante il 2° turno invece vi era presente un'unica responsabile per tutta la settimana, Lara Gargioni che ha accompagnato anche gli animatori durante tutto il percorso di preparazione.

 

Immancabile e indispensabile in entrambi i turni invece Mariagrazia Forti (ex infermiera, ma cuoca del campeggio da molti anni), la quale, affiancata da alcune mamme ha preparato i pasti e all’occorrenza prestato soccorso in caso di infortuni e zecche.

Tutta la programmazione si è basata sul cartone animato della Walt Disney “Mulan”, il quale ha permesso di affrontare, durante i momenti di preghiera, temi quali: l’amicizia, la famiglia, il perdono, i pregi e la conoscenza di sé stessi.

Si è poi cercato di proporre ai bambini giochi tradizionali che solitamente si sono sempre fatti in campeggio quali: sopravvivenza, torneo di calcio, torneo di pallavolo, cetilene, alce rossa, dracula, caccia al tesoro ecc…

 

Il mercoledì è stata poi proposta la tradizionale gita. Il primo turno doveva partire dal campeggio a piedi per arrivare a Malga Rosa e tornare indietro, ma il cattivo tempo ha permesso loro di arrivare solo a malga Cengledino dopodiché sono dovuti rientrate. Diversamente il secondo turno, in collaborazione con la SAT di Tione, aveva programmato la gita in Val di Fumo. Essendo un numero troppo alto di ragazzi per poter chiedere la disponibilità delle macchine ai genitori, si è deciso di noleggiare un autobus.

 

E quindi il mercoledì mattina (giorno deputato alle escursioni) si è svolta l’escursione accompagnati da Ferruccio Salvaterra (un ex campeggiatore, nonché animatore e ora accompagnatore esperto di montagna) con osservazione di paesaggi meravigliosi e con un bellissimo tempo.

 

Ma di tutte queste attività come venivano informati i genitori? Beh per essere al passo coi tempi con pochi clic di alcuni scatti fotografici durante la giornata e qualche minuto per la pubblicazione sulla pagina Facebook del gruppo “NOI” di Tione e il gioco è fatto! I genitori in questo modo avevano ‘quotidianamente’ il “Diario della Giornata” dei loro figli.

 

Un grazie particolare va agli animatori per l’impegno e l’entusiasmo che hanno dimostrato, a tutti i bambini e ragazzi (maschi e femmine) che hanno partecipato ai campeggi rendendoli così unici e speciali, ai genitori che hanno contribuito in cucina e nelle pulizie e a tutti coloro che lavorano tutto l’anno nei lavori di manutenzione della “Casa Campeggio”.