25
Mon, May

È morto ieri Bruno Natella, un amico di Campiglio. Anche lui vittima del coronavirus

Campiglio
Typography

«Ieri, dopo un urgente ricovero a Tione, ci ha lasciati all'età di 89 anni Bruno Natella, ingegnere di origini napoletane, vissuto a Roma. Sfollato in val di Sole durante la guerra, ha mantenuto sempre nel cuore le Dolomiti di Brenta.

Negli anni settanta acquista casa a Madonna di Campiglio dove risiede per lunghi periodi, tanto da sentirsi parte del tessuto sociale della località. 

Il suo amore per la partecipazione alla comunità ne ha fatto un promotore di molte proposte volte a migliorare il bene comune.

Lascia la compagna Valeria, i figli (che hanno imparato a sciare qui) e molti cari amici che lo amavano e lo stimavano.

Era un amico di Campiglio. R.I.P.» Questo il messaggio di Albert Ballardini, vicesindaco di Pinzolo, per ricordare una persona che è venuta a mancare improvvisamente lasciando un vuoto nella comunità che lo aveva accolto e stimato. Una persona distinta che si era fatta apprezzare per gentilezza, disponibilità e arguzia.

Commovente il video che ritrae il figlio su una televisione americana in un report sul coronavirus nel mondo. Un figlio lontano da casa perché a New York, che ha dovuto apprendere la notizia senza poter fare nulla. 

«Il fatto di non essere là e davvero straziante.  Come lo è il fatto di non aver potuto comunicare. Il dolore che si prova è indescrivibile. 

Qui il link del video della tv americana da cui sono tratte le immagini.