27
Mon, Jun

Qual è il destino del secondo ponte sul Caffaro?

Storo
Typography

 

CAFFARO. Il 14 aprile scorso il M5S ha depositato un'interrogazione al Consiglio provinciale trentino chiedendo di fare chiarezza sul destino del nuovo ponte sul torrente Caffaro, terminato nel 2017 e da allora mai aperto.


 

Come spiega il Consigliere provinciale Alex Marini: “Sulla vicenda del nuovo ponte sul Caffaro continuano ad esserci troppe ombre. Lo scorso ottobre abbiamo chiesto chiarimenti al presidente Fugatti, ma la risposta che ci ha dato è risultata evasiva.”

Per questo motivo siamo tornati alla carica con una nuova interrogazione. Le nostre domande sono chiare: perché il nuovo ponte non è mai stato aperto? Cosa intende fare a riguardo la provincia di Trento? Con quali costi, tempistiche e modalità procederà la ristrutturazione del ponte storico, che regge da solo tutto il traffico da e per la Lombardia sin dal lontano 1906? Cosa propongono i Comuni di Storo e Bagolino per uscire dall'attuale impasse?”

La speranza è che per una volta trionfi la trasparenza. Si parla di un'opera che ha comportato lavori a base d'asta per oltre 2 milioni e 550 mila euro, finita nel 2017 e mai entrata in funzione. Il minimo che possa fare l'amministrazione pubblica è dire la verità a tutti i cittadini che hanno contribuito a finanziare questo ponte con i soldi delle loro tasse e che a oggi devono convivere col disagio di vederlo chiuso al traffico”.