14
Sun, Jul

Nel giorno di San Maurizio inaugurata la nuova sede degli Alpini di Storo

Storo
Typography

 

 

 

 

STORO – A Storo la ricorrenza di San Maurizio è oramai considerata una classica fissa di stagione e anche domenica 18 settembre la realtà alpina ha  dimostrato non solo  di esserci  ma di rimanere un’istituzione  attaccata ma a disposizione  della  sua gente. Dopo i convenevoli d’uso  sfilata e ritrovo alla chiesetta alle Piane dove il reverendo cappellano militare padre Giorgio Valentini ha celebrato la messa. Il cappuccino, con sede al convento di Terzolas, è considerato un abitudinario alla festa Ana  tant’è che la sua simpatia e vicinanza alla realtà storese è sotto tutti gli aspetti evidente. All’omelia il frate ha rimarcato  agli stessi alpini che “la comunità intera ha ancora bisogno di voi per mantenere unito quel tessuto di valori,  democrazia  e di libertà su cui si è formata e che ancora  intende  sostenere e  portare  avanti ”. Altro significativo passaggio  ha riguardato  ancora gli stessi alpini quando il religioso  ha rimarcato che “ voi continuate a rappresentare una  feconda realtà di speranza  ma che  nel contempo  sapete rinnovare e unire i valori  ma sempre a vantaggio della stessa comunità”. Poi  l’incamminamento verso la nuova sede i cui locali in epoche diverse avevano ospitato le sedi di Calcio Storo e Settaurense.  Nel corso del tragitto non solo alpini, banda sociale, corale alpina  e rappresentanti istituzionali ma anche  quel gigantesco mulo olandese  solitamente portato da Giulio Maffei  di Pinzolo in coabitazione degli amici  di Valsabbia  Francesco Viviani e Silvia Federici.  Ad affiancare il sindaco  i colleghi di giunta  Riccardo Giovanelli e Massimiliano Luzzani nonché  il presidente del consiglio Omar Luchini e  la delegata  istituzionale donna Mariella Bonomini  in abito azzurro  lungo  rigorosamente  sino  ai piedi. Poi diverse rappresentanze locali e mandamentali tra cui Maurizio Pola, Gregorio Pezzato e Francesco Pezzarossi.

Il capogruppo  Enzo Giacomolli  ha  ricordato come negli anni la Sezione abbia peregrinato in numerosi luoghi del paese fino a giungere all'attuale soluzione che garantisce una maggiore funzionalità per l'attività del locale gruppo che ad oggi conta su 175 soci e 60 aggregati per un totale di 235 iscritti guidati da un direttivo composto da 21 consiglieri. Giacomolli ha  poi ringraziato il sindaco e l'intera amministrazione comunale per l'impegno messo nell'arrivare all'assegnazione di questa nuova sede. A sua volta il primo cittadino ha voluto contraccambiare gli Alpini per il loro impegno a favore della Comunità. “ Siete sempre e ovunque disponibili  pronti a dare una mano verso chi si trova in difficoltà  il che  non solo ci onora ma ci rassicura. Quindi portate avanti la tradizione e quei valori perché Storo, ma anche l’Italia, han bisogno di voi”.  Parole che sono state riprese e rinforzate anche dal vicepresidente della Provincia di Trento  Mario Tonina che ha sottolineato “come gli Alpini, insieme alle altre associazioni di volontariato presenti sul territorio, siano capaci di rendere ricche le comunità cui appartengono e di fungere da grande esempio per le nuove generazioni”.

Poi  all’interno di Storo & 20  pranzo  doppiamente casereccio  cucinato  dagli stessi   alpini e  servito  da volonterose al seguito.