27
Mon, Sep

Gottardi e Failoni all'apertura del Fly Fishing Festival: “Collaborazioni tra territori, importanti e necessarie”

Tione
Typography

Pesca a mosca, a Tione il primo evento green in Trentino.Inaugurato “Fly fishing festival”. Gli assessori Failoni e Gottardi: “Collaborazioni tra territori importanti e necessarie”.

Tione è diventata “capitale” trentina delle lenze, grazie a “Fly fishing festival”, primo evento provinciale dedicato interamente alla pesca a mosca che coinvolge l’intero territorio delle Giudicarie e l’Alto Garda. In mattinata è avvenuto il taglio del nastro della manifestazione ospitata all’interno dell’area del bocciodromo, alla presenza – tra gli altri – del sindaco Eugenio Antolini, degli assessori provinciali allo sport e turismo Roberto Failoni e agli enti locali Mattia Gottardi e del deputato Diego Binelli. Fly fishing festival è figlia della manifestazione fieristica ExpoRiva caccia, pesca, ambiente, ma anche dell’esperienza e dell’entusiasmo dei diversi attori delle Giudicarie impegnati nella promozione della pesca e del territorio.

 

 

Un plauso ed un ringraziamento è stato dunque rivolto dai rappresentanti istituzionali a tutte le realtà che hanno collaborato per l’organizzazione dell’evento che si chiuderà domani sera e che vede la partecipazione di 46 espositori complessivi, fra aziende di settore, associazioni legate al mondo della pesca e alla promozione turistica, realtà enogastronomiche e stampa di settore (Comune di Tione di Trento, Riva del Garda Fierecongressi con il presidente Roberto Pellegrini, Apt Madonna di Campiglio Dolomiti con il presidente Tullio Serafini, associazione pescatori Alto Sarca presieduta da Emilio Fedrizzi e associazione pescatori Alto Chiese guidata da Dino Zocchi).

Si tratta di un appuntamento che guarda nella giusta direzione, coinvolgendo i due nuovi ambiti turistici nati dopo la riforma che questa Amministrazione provinciale ha fortemente voluto. Le Giudicarie e l’Alto Garda rappresentano praticamente metà del territorio del Trentino: una collaborazione che risponde alle esigenze dei turisti, ai quali i campanili non interessano” sono state le parole dell’assessore Failoni, che ha ricordato come il settore della pesca a mosca rappresenti un’opportunità da cogliere con convinzione: “È attraverso eventi come questo che garantiamo l’arrivo nelle nostre valli di quella clientela italiana e internazionale che non conosce ancora le splendide acque della Sarca e del Chiese, che dobbiamo continuare a promuovere anche attraverso i canali digitali”.

L’assessore Gottardi ha indicato Fly fishing festival come un appuntamento che dà lustro al territorio: “Numerose e diverse sono le realtà che da subito hanno creduto in questa opportunità, contribuendo all’organizzazione del Festival che grazie all’impegno di tante persone potrà essere riproposto anche nei prossimi anni. Noi trentini siamo abituati a guardare l’alto orizzonte delle montagne, ma non possiamo dimenticare che i corsi d’acqua sono la nostra prima fonte di ricchezza ed è dunque significativo che proprio grazie ai fiumi che uniscono le Giudicarie e l’Alto Garda sia stato possibile lanciare una grande manifestazione che ha il sapore della ripartenza dopo un anno e mezzo particolarmente difficile. Sinergia e collaborazione sono parole chiave che devono consentirci di guardare al futuro con ottimismo”.

Il sindaco Eugenio Antolini ha dunque parlato del lavoro durato ben due anni per l’organizzazione di questo evento: “La presenza di tante persone ripaga le fatiche e ci rende ancora più convinti che riprendere la nostra quotidianità e ricominciare a vivere in sicurezza sia ora particolarmente importante. La pesca rappresenta per le Giudicarie un fenomeno turistico, economico e ambientale che continueremo a coltivare anche attraverso appuntamenti come quello che vivremo per l’intero weekend”.