14
Fri, Aug

Dal 3 giugno riaprono gli spostamenti tra regione e regione. E l'Italia riapre le frontiere con l'UE

In Trentino
Typography

L’Italia si prepara a riaprire le frontiere con il resto d’Europa. Nel decreto e nel successivo Dpcm che saranno varati nelle prossime ore dal governo, è prevista la possibilità dal 3 giugno di entrare in Italia dai Paesi dell’Unione europea, dell’area Schengen compresi Svizzera e Monaco. Per chi varcherà i confini non sarà più prevista la quarantena obbligatoria con isolamento di 14 giorni. Una misura che mira a far riprendere il flusso turistico in vista dell’estate preparata dai ministri Vincenzo Amendola, Dario Franceschini e Luigi Di Maio.

 

Verso il via libera agli spostamenti tra Regioni dal 3 giugno

Spostamenti tra regioni vietate fino al 2 giugno, poi si potrà uscire dal confine regionale. Lo prevede la bozza della proposta che il governo porta alle regioni in vista delle riaperture. Nel testo del decreto si legge "fino al 2 giugno 2020 sono vietati i trasferimenti e gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza". Dal 3 giugno "gli spostamenti sul territorio nazionale possono essere limitati solo con provvedimenti adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree". Chi sgarrerà subirà pesanti sanzioni fino alla chiusura da 5 a 30 giorni dell’attività o dell’esercizio, prevede la bozza. Da lunedì sono consentiti liberi spostamenti dentro la regione. Spostamenti all'interno della Regione senza limitazioni dal 18 maggio "A partire dal 18 maggio 2020 gli spostamenti all'interno del territorio regionale non sono soggetti ad alcuna limitazione, fatte salve le misure di contenimento più restrittive adottate, ai sensi degli articoli 2 e 3 del decreto legge 25 marzo 2020, n. 19, relativamente a specifiche aree del territorio regionale, soggette a particolare aggravamento della situazione epidemiologica".

E' quanto si legge nella bozza di decreto sulle riaperture che il governo sottopone oggi ai presidenti di Regioni. Le misure "si applicano a decorrere dal 18 maggio 2020 e fino al 31 luglio 2020". Regioni possono ampliare o limitare orari apertura delle attività in base a contagi "Per garantire lo svolgimento delle attività economiche e produttive in condizioni di sicurezza, le regioni monitorano con cadenza giornaliera l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e le condizioni di adeguatezza del sistema sanitario regionale" prevede la bozza di decreto del governo dove si legge che i dati del monitoraggio "sono comunicati giornalmente dalle Regioni al Ministero della Salute, all'Istituto superiore di sanità e al comitato tecnico-scientifico. In relazione all'andamento della situazione epidemiologica sul territorio la Regione, informando contestualmente il Ministro della salute, può introdurre, anche nell'ambito delle attività economiche e produttive svolte nel territorio regionale, misure derogatorie, ampliative o restrittive, rispetto a quelle disposte ai sensi dell'articolo 2 del decreto legge 25 marzo 2020, n. 19".

Fonte Rainews.it