04
Sun, Dec

L'ex Presidente del Soccorso alpino Alimonta condannato a risarcire 85.580 euro per danno erariale

In Trentino
Typography

La Sezione Giurisdizionale della Corte dei conti con sentenza n. 78/2022 del 14 ottobre scorso (Presidente dott.ssa Chiara Bersani, relatore dott. Massimo Agliocchi), in parziale accoglimento delle domande della Procura regionale che si è avvalsa delle puntuali indagini esperite dalla Guardia di Finanza di Trento, ha condannato il sig. Adriano Alimonta, al tempo dei fatti presidente del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Servizio provinciale Trentino, al risarcimento di complessivi euro 85.580,00 in favore del predetto ente per il danno erariale cagionato in conseguenza del pagamento, a vantaggio del medesimo Alimonta, di compensi conseguenti a contratti a progetto (in relazione agli anni 2014 e 2015) e di co.co.co. (in relazione agli anni 2016 e 2017).

Secondo la ricostruzione operata dalla Procura della Corte dei conti e accolta dalla Sezione giurisdizionale, l’Alimonta – al fine di eludere il divieto, contenuto nello statuto dell’Associazione, di riconoscere emolumenti per lo svolgimento di cariche sociali – ha indotto il consiglio direttivo dell’Associazione ad attribuirgli incarichi di collaborazione per i quali non era prevista l’attribuzione di obiettivi specifici e, alla scadenza dei quali, lo stesso Alimonta non ha neppure redatto una relazione in ordine alle attività svolte, non consentendo di far percepire il reale vantaggio prodotto per l’Associazione.

È stata inoltre riconosciuta, a titolo di colpa grave, la responsabilità sussidiaria di alcuni dei componenti dei consigli direttivi dell’Associazione che approvarono l’affidamento dei contratti di collaborazione in favore dell’Alimonta.

In altro giudizio (sentenza n. 77/2022), che riguardava invece l’attribuzione di una indennità – ritenuta non dovuta, secondo la prospettazione accusatoria – in favore del vicepresidente, è stata respinta la domanda della Procura regionale che aveva contestato all’ Alimonta un danno erariale di 18.600,00.

 La segreteria del Procuratore Regionale