22
Sun, May

Ultimo giorno di apertura delle piste sul Grostè: solo 5 settimane alla riapertura della funivia!

Campiglio
Typography

 

CAMPIGLIO. Ultimo giorno sugli sci. E tra 5 settimane si ritorna già in funivia. Oggi, a Madonna di Campiglio, sulle piste del Grostè, ultime sciate in un paesaggio invernale e da fiaba portato dalle belle nevicate di questi ultimi giorni. Da domani gli impianti di risalita si fermeranno, ma riprenderanno a girare tra sole 5 settimane, il 2 giugno, in coincidenza della Festa della Repubblica e dell’apertura anticipata, a Campiglio, della cabinovia 5 Laghi (e dell’annesso rifugio in quota) per il lungo ponte fino al 5 giugno, occasione per una prima vacanza estiva in montagna.

 

 

Poi, da sabato 11 giugno, sarà nuovamente la 5 Laghi ad essere aperta e via via tutte le altre (dal 18 giugno la cabinovia Grostè, dal 25 giugno la Spinale e dal primo luglio la Pradalago) con almeno un impianto aperto tutti i giorni fino al 25 settembre. Ad ottobre sarà invece la cabinovia Pradalago a garantire l’accesso autunnale all’alta quota con l’apertura nei weekend del 1-2, 8-9 e 15-16 ottobre. Si torna a viaggiare anche sulla Pinzolo-Campiglio Express che rimarrà aperta per ben 2 mesi, dal 9 luglio al 4 settembre. A Pinzolo, la cabinovia Prà Rodont aprirà il weekend 11-12 giugno e poi, continuativamente dal 18 giugno all’11 settembre, con l’aggiunta dei weekend 17-18 e 24-25 settembre. La seggiovia Doss del Sabion sarà accessibile dal 25 giugno all’11 settembre.

 

L’estate 2022 sarà ricca di proposte, dalle consuete attività outdoor – come le escursioni, i trekking di rifugio in rifugio, le salite alle cime alpine, le vie ferrate, i percorsi per il cicloturismo e la mountain bike – alle originali esperienze. Accanto alle proposte “classiche” come, ad esempio, “Di prato in pranzo”, camminata alla scoperta delle piante alimurgiche insieme alla “Signora delle erbe” Noris Cunaccia, e “Polenterchef”, laboratorio per imparare a cucinare la vera polenta di montagna, ci sarà il debutto di quattro nuove “Top experience”: “Raccogli l’attimo”, dedicata ai prodotti selvatici del territorio e alle tradizionali ricette per conservarli, “Login nature”, rivolta a chi vuole disconnettersi, per qualche ora, dal frastuono della quotidianità per farsi abbracciare dalla natura più pura, “Spiagge alte”, un esclusivo cocktail servito sulle rive di torrenti e laghi alpini e “Montagna segreta”, una passeggiata lungo fantasiosi sentieri tra boschi e radure per conoscere, accompagnati dalla gente del posto, le leggende più misteriose e le credenze più curiose che da secoli si raccontano sulle Alpi e le Dolomiti.

 

Per chi cerca un abbraccio di benessere, ritorna il programma giornaliero del “Dolomiti Natural Wellness”: natural walking (camminata dolce), bare footing (camminata a piedi nudi), natural kneipp (camminata a piedi nudi nell’acqua delle sorgenti di montagna) e tree hugging (abbraccio agli alberi nel “Bosco dell’abbraccio”) per rigenerarsi e ricaricarsi lungo 8 percorsi sensoriali dedicati. Numerose sono le pratiche benefiche proposte a tu per tu con la natura. Un dato, su tutti, da segnalare. Recenti studi scientifici hanno dimostrato che passeggiare nel bosco abbassa la pressione del sangue e rallenta la frequenza cardiaca, riducendo lo stress e rasserenando l’animo.

 

Intanto, anche la primavera e il risveglio della natura presentano nuove opportunità. I prati lungo la ciclopedonale della Val Rendena (24 km da Carisolo al lago di Ponte Pià, poco dopo Tione di Trento) e della Valle del Chiese (28 km da Bondo fino a Baitoni sul lago d’Idro lungo una ciclopedonale alternata a tratti su strade a basso scorrimento) diventano una tavolozza di colori appartenenti a 600 specie floristiche. Una singolare “caccia al fiore” lungo due ciclopedonali adatte a tutti. Inoltre, nei weekend (sabato e domenica) dal 16 aprile al 5 giugno, un comodo bicibus (solo su prenotazione da https://campigliodolomiti.openmove.com/ 5 euro il biglietto per gli adulti, gratuità per i bambini minori di 8 anni) permetterà di percorrere la sola andata o il solo ritorno e tornare comodamente all’automobile una volta conclusa l’esperienza tra sport, natura e scoperta del più bel vivaio primaverile all’aria aperta che la natura possa presentare. L’itinerario completo, la mappa floristica e gli orari del servizio di bicibus sono disponibili su www.campigliodolomiti.it/ciclabile-fiori.

 

Da segnalare anche gli “Itinerari dell’acqua”, una selezione di 12 affascinanti percorsi da Madonna di Campiglio al lago d’Idro, a bassa e a mezza quota, nel Parco Naturale Adamello Brenta Geopark, alla scoperta delle cascate e dei laghi più spettacolari e sorprendenti nel periodo del loro massimo splendore, da metà aprile a fine giugno. Le cascate di Vallesinella (Campiglio) e della Val Genova, la Cascata della Cravatta (Val di Breguzzo) la Cascata Regina del lago (Val di Daone), il Sentiero etnografico Rio Caino (Cimego) e il lago d’Idro, biotopo scrigno di biodiversità, sono alcuni degli esempi più particolari. Tutti i percorsi sono mappati e descritti su www.campigliodolomiti.it/itinerari-acqua.