14
Tue, Jul

70 anni e non sentirli, o meglio, e non festeggiarli. Saltano i festeggiamenti per i 70 anni del Coro Azzurro di Strada

Valle del Chiese
Typography

PIEVE DI BONO-PREZZO – "70 anni e non sentirli, o meglio, e non festeggiarli." Il Covid-19 ha guastato anche la grande festa del Coro Azzurro di Strada, sodalizio canoro nato nel 1950 nel piccolo borgo del Comune di Pieve di Bono-Prezzo, in programma nel weekend del 19-20-21 giugno prossimo annullata e rinviata allo stesso periodo del prossimo anno. Una naturale ed inevitabile decisione quella partorita dal direttivo oggi guidato dal Presidente Sergio Rota che da diversi mesi era al lavoro per la preparazione della tre giorni di festa.

«Purtroppo - commenta Rota - la grave situazione sanitaria, economica e sociale non ci consente di proporre, per l'immediato futuro, feste e ritrovi simili. Non è stata una scelta presa a cuor leggero, ma non c'erano alternative.» Il programma era già ben definito: una tre giorni di festa all'insegna del canto popolare con un convegno dedicato a cui erano invitati relatori esperti e diversi cori delle Giudicarie. E poi il concerto ufficiale del Coro Azzurro oggi diretto da Cornelio Armani, la presenza degli amici tedeschi degli Oberhauser Musikanten e il coinvolgimento dei gruppi musicali della busa della Pieve che erano al lavoro per la preparazione di alcuni brani musicali per l'occasione. Insomma un mix perfetto per una festa in cui non mancava (e non mancherà) la gastronomia tipica locale con un'offerta ricca anche sotto questo profilo. «L'appuntamento - prosegue Rota - non è cancellato ma rinviato al 2021 con la speranza che si possa presto tornare alla normalità. Voglio ringraziare fin d'ora tutti coloro che si sono impegnati in questi mesi per la preparazione, nonché tutti i gruppi che avevano aderito al nostro programma. Un ringraziamento speciale - prosegue il Presidente del Coro Azzurro - va all’amministrazione comunale di Pieve di Bono-Prezzo che, oltre a sostenere finanziariamente la nostra attività, ci aveva messo a disposizione spazi adeguati per ospitare al meglio la manifestazione e a tutti gli sponsor che hanno contribuito economicamente alla preparazione del programma e che, nonostante la grave crisi in atto, hanno compreso la nostra scelta e confermato la disponibilità anche per il prossimo anno.»

Tra gli inghippi più importanti da gestire per il direttivo del Coro Azzurro la gestione della lotteria la cui vendita dei biglietti era già partita e sul quale il Presidente Rota precisa. «Abbiamo ricevuto conferma dal Monopolio che possiamo tener in atto quanto già pianificato. L'invito quindi, esteso a tutti coloro che hanno già acquistato i biglietti, è quello di conservarli fino all'anno prossimo.» Tra le altre novità messe in campo dal direttivo dell'associazione, nata appunto a Strada grazie alla volontà ed alla passione di un gruppo di giovani uomini ispirati dall'indimenticato Basilio Mosca (papà di Daniela Mosca, oggi vice-presidente), la creazione di un libro che racchiude storie, curiosità ed aneddoti di questi lunghi settant'anni: concerti, gite nel mondo, ritrovi di un tempo ma non solo. «Il libro a cui stanno lavorando con passione Daniela Mosca e Doretta Casagrande – commenta il Presidente Rota - vuole essere anche uno strumento di conoscenza del canto popolare. Sarà infatti incentrato su vari argomenti ad esso attinente. La storia del coro verrà rievocata attraverso 15 canzoni significative per i vari periodi storici. Un capitolo interessante sarà poi quello sui progetti intrapresi con le scuole e la didattica con riferimento anche ai corsi fatti dal coro negli anni scorsi. Terminerà poi con un excursus sugli ultimi anni e il libro sarà arricchito da diversi contenuti esterni messi a disposizione da persone competenti in merito.» Insomma, in una sola parola, emozioni. «L'obiettivo - commenta il Presidente del Coro Sergio Rota - era quello di presentare il libro a giugno ma per ovvie ragioni non potremo farlo. Lavoriamo in questi mesi con l'auspicio e la speranza di poterlo presentare in autunno.» L'attesa dei festeggiamenti per l'importante ricorrenza è quindi rimandata a tempi migliori quando, si spera, il maledetto virus sarà stato sconfitto. Nel frattempo, tanti auguri al Coro Azzurro di Strada.